Petrolio, nessuna ripresa all’orizzonte

La domanda di oro nero rimarrà ai minimi nel breve termine, a causa della mobilità ancora ridotta. La view di Aberdeen Standard Investments
15/07/2020 | Redazione Advisor

Il lockdown ha causato un blocco diffuso dell’attività economica, e il petrolio e le materie prime fisiche sono stati particolarmente colpiti a causa dei prolungati tempi di approvvigionamento e della brusca interruzione della mobilità. Il rapido crollo di oltre il 20% della domanda di petrolio è stato più esteso e di maggiore entità rispetto a quanto inizialmente stimato dalla maggior parte delle compagnie petrolifere. Cosa bisogna attendersi per il futuro? Robert Minter, investment strategist di Aberdeen Standard Investments, non prevede una normalizzazione della domanda petrolifera nel breve termine.

 

“Le attuali linee guida del Center for Desease Control USA rendono quasi impossibile il rientro dei lavoratori negli edifici adibiti ad uffici prima che sia pronto un vaccino. Se non c'è nessuno in ufficio, non c'è bisogno di viaggi d'affari. I viaggi di lavoro coprono la maggior parte dei costi dei voli delle compagnie aeree. Attualmente vediamo meno di un milione di barili al giorno di carburante per aerei, in calo rispetto ai 7 milioni standard. Quel buco di 6 milioni di barili al giorno di domanda potrebbe ricomparire nel 2021 a un certo punto, ma dipende dalle scoperte mediche. Questo non tiene nemmeno conto della riduzione dei viaggi per raggiungere il posto di lavoro. Negli Stati Uniti, il 77% dei lavoratori va al lavoro in auto, con una media di 30 miglia al giorno. Gran parte di questa domanda è evaporata con le politiche sul lavoro da casa che dovrebbero durare fino alla fine dell'anno”.

 

Che impatto potrebbe avere sul comparto dell’energia l’esito delle presidenziali americane, in particolare se ci fosse una vittoria del candidato democratico? “Joe Biden ha presentato ieri un piano energetico, in gran parte progettato per ispirare la base democratica a uscire e votare a novembre, indipendentemente da quanto il piano sia realistico” prosegue lo strategist. “Siamo entusiasti del futuro delle energie rinnovabili come tutti gli altri, ma lo mitighiamo con l'esperienza. Non c'è stato alcun settore che, negli ultimi 40 anni, abbia avuto risultati inferiori a quelli delle energie rinnovabili. Volkswagen, Tesla e altri hanno progettato veicoli elettrici convincenti e costosi. Indipendentemente dal prezzo, ci vorrà del tempo per sostituire i 1,2 miliardi di motori a combustione interna attualmente in funzione a livello globale. Un’eventuale presidenza Biden potrebbe implicare un aumento delle barriere all'ingresso nel mercato americano dell'esplorazione del petrolio e del gas, portando a un aumento dei prezzi”.

 

“Il tempo lo dirà, ma per ora le nostre aspettative sul prezzo del petrolio sono di 33-43 dollari fino alla fine dell'anno” spiega ancora Minter. “Un diffuso incremento dei lockdown potrebbe incidere negativamente sul livello del mercato. Nel medio termine i tagli alla produzione globale pari a 12 milioni di barili al giorno, insieme al blocco della produzione libica e iraniana, equivale a 15 milioni di barili al giorno di incremento potenziale dell'offerta come fattore di contenimento dei prezzi”.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.