Allianz GI, 75 fondi entrano nella gamma di soluzioni sostenibili

Ad annunciarlo è la casa di gestione tedesca, considerata tra le pioniere nel campo della sostenibilità. Al via anche il nuovo approccio "Climate Engagement with Outcome"
10/03/2021 | Marcella Persola

Allianz GIobal Investors aumenta ulteriormente la presenza negli investimenti sostenibili con due annunci. Da una parte il gruppo che è tra i pionieri dell’investimento sostenibile a livello globale e vanta un’esperienza ventennale in ambito ESG ha annunciato che 75 dei suoi fondi azionari, obbligazionari e multi asset entreranno a far parte della propria gamma di soluzioni sostenibili. La costruzione dei portafogli si baserà su valutazioni dei fattori ESG (Environmental, Social, Governance: fattori ambientali, sociali e di governance), tenendo conto dei valori dei clienti e delle “Sustainable Minimum Exclusions” * di AllianzGI, e vedrà l’applicazione di un nuovo e più rigoroso approccio per l’attività di engagement o delle considerazioni SRI Best-in-class.

 

Dall'altra, il gruppo ha annunciatio anche un nuovo approccio denominato “Climate Engagement with Outcome” che avrà come obiettivo favorire la transizione delle società a un’economia a basse emissioni di carbonio. I fund manager condurranno un engagement attivo con i primi 10 emittenti di carbonio in termini assoluti (scope 1 e 2) presenti in portafoglio, come proxy dell’impatto climatico. I primi 10 emittenti di ogni fondo saranno selezionati indipendentemente dal settore di attività; in tal modo sarà possibile intervenire sull’impatto climatico del fondo nel complesso.

 

L’analisi - così come sottolinea la nota del gruppo -  si basa sulla “Best Practices Sector Specific Engagement Map”: l’azienda viene esaminata nel contesto del settore di attività e nell’elaborazione della strategia di engagement si tiene conto del confronto con i peer e dei target futuri previsti per il settore in questione. Alcuni esempi potrebbero essere gli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra, oppure i target di remunerazione dei membri del board legati al cambiamento climatico. In mancanza di una risposta alle richieste o di un impegno effettivo da parte dell’emittente al fine di migliorare il suo percorso relativamente all’impatto climatico, si valuterà il disinvestimento nell’ambito della procedura di escalation.

 

In particolare saranno 19 i fondi che andranno ad arricchire l’ampia gamma di fondi SRI di AllianzGI che applicano un approccio best-in-class, che ha come obiettivo la creazione di portafogli sostenibili tramite la valutazione delle prassi e dei valori ESG nei processi di analisi delle opportunità di investimento e di costruzione del portafoglio. 

 

Matt Christensen, Global Head of Sustainable and Impact Investing di Allianz Global Investors, ha commentato “Il cambiamento climatico è una delle maggiori problematiche del nostro tempo, noi di AllianzGI crediamo che gli asset manager dovrebbero avere un ruolo più attivo nel plasmare il futuro. Il “Climate Engagement with Outcome” rappresenta un ulteriore passo avanti nel nostro approccio di stewardship proattiva. Forti dell’esperienza sinora accumulata nell’engagement presso le società, siamo fiduciosi che le aziende saranno aperte al dialogo e condivideranno le nostre opinioni sulla questione climatica”.

 

“La crisi da COVID-19 ha riportato l’attenzione su mutamenti climatici e criticità sociali. In molti casi, le autorità e gli investitori vedono l’attuale crisi come quel campanello d’allarme che può dare slancio all’investimento sostenibile. La domanda di fondi sostenibili è in aumento in tutto il mondo e vogliamo offrire ai nostri clienti prodotti orientati alla sostenibilità in linea con i risultati per loro più importanti”.

 

 

 

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.