L’influenza dei social nel risparmio gestito

I social media hanno assunto un ruolo sempre più importante anche in campo finanziario e questo trend è in continuo aumento. Abbiamo chiesto a Pictet AM e Moneyfarm cosa ne pensano a riguardo
21/05/2021 | Lorenza Roma

L’utilizzo dei social network è in constante aumento rispetto agli anni precedenti. Molte società operanti in diversi settori hanno deciso di puntare sui social media per rafforzare il proprio brand e captare nuovi clienti. Neanche il settore del risparmio gestito si è rivelato immune al fascino della rete.

 

Dal report di Datrix, che individua quali sono i titoli maggiormente correlati alle discussioni social, emerge che Twitter è il social network più utilizzato in Italia, anche grazie all'utilizzo di hashtag che ne facilita la fruizione. Nel mondo finanziario, i cashtag permettono una rapida individuazione dei titoli più citati e uno scambio più rapido di informazioni. Antonia Donvito, data scientist di FinScience (gruppo Datrix) ha sottolineato che “dall’analisi sono emersi pattern diversi in base alle piattaforme considerate. C’è un forte interesse per le criptovalute su Twitter, e in particolare per il Bitcoin, ma anche Ethereum e Ripple. Non manca, tuttavia, una forte attenzione anche verso Tesla, GameStop, Amazon e Apple”.

 

In merito al continuo aumento dell’utilizzo dei social media anche in campo finanziario, abbiamo chiesto a Pictet Asset Management e Moneyfarm cosa ne pensano a riguardo. “I social media sono sempre più parte integrante della strategia multicanale di molti operatori, soprattutto per le potenzialità rappresentate dalla possibilità di ingaggiare in maniera diretta i futuri clienti e di creare una relazione più stabile e immediata con i clienti esistenti”, ha spiegato Alessandro Onano, chief marketing officer di Moneyfarm. “In generale, credo che, non diversamente da altri servizi, i servizi finanziari debbano stare dove stanno le persone e rendere la loro vita più semplice, anche quando si tratta di risparmi e investimenti, educando, guidando e supportando le persone nel fare delle scelte il più possibile informate”, ha aggiunto Onano. Secondo Daniele Cammilli, head of marketing and client servicing di Pictet Asset Management Italia “anche in campo finanziario i social rappresentano oggi un mezzo molto economico per raggiungere un’ampia fetta della popolazione italiana e un’attenzione sempre maggiore viene rivolta dagli operatori, a livello individuale e societario alle modalità di comunicazione attraverso i social per accompagnare le decisioni di investimento”.

 

Ormai tutte le grandi realtà societarie non possono più fare a meno dei social. Onano ha sottolineato che “Moneyfarm è nata digital e siamo partiti a integrare i social media nella nostra strategia multicanale 10 anni fa. Non abbiamo mai esternalizzato la gestione dei canali social, proprio perché non riteniamo efficiente delegare a terzi un servizio così complesso”. I canali social rappresentano un ottimo punto di contatto per diffondere l’educazione finanziaria su larga scala, Pictet AM ha lanciato due iniziative su questo tema. La prima si chiama “Trendmeter”, uno strumento innovativo, utile ad aumentare la consapevolezza degli argomenti da padroneggiare per intavolare una discussione finanziaria. La seconda“focus Pictet” è una collana di brevi video in cui spieghiamo alcune nozioni fondamentali degli investimenti e dell’attualità.

 

Infine, Cammillli ha sottolineato che “è fondamentale avere sui social una strategia di comunicazione onesta e trasparente, evitando forme di “vendita occulta”, accreditandosi come affidabili e attendibili fonti di informazione prendendo le distanze dalle molteplici forme di fake news che spuntano quotidianamente sui social. Onano ritiene che non si debba stare sui social principalmente per vendere, ma per comunicare e creare una relazione e il servizio di Moneyfarm sui social si declina sostanzialmente attraverso un Social CRM e una varietà di contenuti utili ai risparmiatori, dal taglio informativo e talvolta anche educativo”.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.