Equity europeo sugli scudi, Italia compresa

Dopo il forte rally dei mercati azionari dall'inizio dell'anno, l'outlook indica qualche incertezza nel breve termine che sarà solo temporanea. E' quanto emerge dall'analisi di Lemanik
19/07/2021 | Lorenza Roma

“Nel breve termine ci può essere un po' di consolidamento dopo la forte performance dell'anno, prima di una nuova accelerazione guidata da titoli e settori che beneficiano del reflation trade, cioè maggiore crescita combinata con un'inflazione strutturalmente più alta. La nostra visione dei mercati azionari, in particolare dell'Europa, rimane quindi costruttiva”. È l’analisi di Andrea Scauri, gestore del fondo azionario Lemanik European Special Situations di Lemanik, che investe sulle storie di successo delle aziende con le migliori opportunità di crescita in Europa, con un obiettivo di ritorno assoluto. Il fondo ha registrato una performance positiva del +27% da inizio anno, sovraperformando di circa il 12% il benchmark Eurostoxx (+15%).

 

“Dopo il forte rally dei mercati azionari dall'inizio dell'anno, l'outlook indica qualche incertezza nel breve termine”, sottolinea Scauri. “Le ragioni sono le seguenti: le decisioni di ritardare l'allentamento delle restrizioni a causa della diffusione della variante Delta; i timori di una fine affrettata delle politiche monetarie/fiscali favorevoli e di dichiarazioni meno accomodanti da parte delle banche; i timori di un rallentamento della crescita globale nel breve termine a causa dei vincoli sul lato dell'offerta e dell'aumento dei prezzi. A nostro avviso, si tratta comunque di fattori temporanei”.

 

L'attrattiva dell'Italia per gli investitori sta crescendo grazie al suo profilo di rischio drasticamente migliorato, e perché è tra i principali beneficiari dei fondi Ue Next Generation, che potrebbero portare nuovi capitali verso l'Italia e l'Europa, per monetizzare il debito e, se necessario, utilizzare altre misure di politica monetaria a disposizione. “Questo è il motivo del nostro posizionamento importante sul mercato italiano attraverso temi di investimento molto specifici”, conclude Scauri. “È il caso di Danieli, che combina crescita, multipli economici e tendenze a lungo termine legate alla decarbonizzazione dell'industria dell'acciaio. Abbiamo poi costruito una nuova posizione su Atlantia, mentre fra le posizioni core segnaliamo l’ottima performance di Vivoryon, a seguito dell’annuncio di una partnership di commercializzazione e distribuzione del prodotto in via di sviluppo su Alzheimer con uno dei principali player cinesi”.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.