Quattro falsi miti sul quality growth

Comgest analizza le principali percezioni erronee legate allo stile d’investimento quality growth
28/07/2021 | Lorenza Roma

"Al giorno d’oggi ci sono quattro errate percezioni comuni sull'investimento quality growth in tutto il mondo, anche se questo stile e la performance dei titoli sono migliorati dalla capacità di identificare precocemente le società di crescita di qualità e di cercare in aree in cui pochi stanno andando", sottolinea Alexandre Narboni, gestore del fondo Comgest Growth World di Comgest.

 

"Una percezione comune è che le grandi aziende farmaceutiche abbiano un profilo di crescita scarso e i loro risultati siano troppo imprevedibili. Molti investitori growth non guardano nemmeno in questo spazio, ed è vero che recentemente, negli ultimi 8 anni, la crescita degli utili dell'MSCI ACWI Pharma Index è stata poco brillante. Tuttavia, una grande azienda farmaceutica statunitense, Eli Lilly, ha una performance di 3 anni al top. Il settore ha alcune qualità strutturali che possono essere apprezzate: un forte vantaggio di first mover, una scala che include una grande forza di vendita difficile da replicare, una bassa ciclicità che porta diversificazione ai portafogli e, ultimo ma non meno importante, rendimenti elevati. Si tratta di essere selettivi per identificare le grandi aziende farmaceutiche che generano una crescita dell'EPS attraverso una forte innovazione, come Eli Lilly negli Stati Uniti o Roche in Europa", puntualizza Narboni.

 

"Un'altra percezione errata riguarda la qualità della governance e della disclosure delle società giapponesi o A share. Questi aspetti della sfera ESG sono molto importanti, li prendiamo molto sul serio e crediamo che se si cerca, si possono trovare aziende giapponesi o A share con una buona governance/disclosure o una forte volontà di migliorare. Le barriere culturali e linguistiche sono chiaramente fattori che scoraggiano gli investitori occidentali ad attingere a questi mercati. È fondamentale avere team d'investimento esperti che parlano la lingua, condividono la cultura e sono meglio posizionati per costruire relazioni di fiducia a lungo termine con le aziende locali. Avere questo piede sul terreno è fondamentale per superare le barriere culturali o linguistiche con queste aziende locali", dichiara il gestore che aggiunge "La società A-Share Inner Mongolia Yily e la giapponese Hoya sono due aziende che rappresentano un buon esempio. Yili è il leader cinese nei prodotti lattiero-caseari con una quota di mercato del 30%, ha un forte profilo di crescita con vendite in doppia cifra e da anni anni dialoghiamo con loro, anche sulle considerazioni ESG. Abbiamo portato avanti diverse attività di engagement con loro su questioni importanti come la disclosure, la remunerazione degli amministratori o la governance e, in cambio, loro ci consultano regolarmente. Hanno ottenuto forti miglioramenti negli ultimi anni e siamo incoraggiati dalla loro volontà di migliorare. HOYA è leader nei prodotti di vetro come le lenti per occhiali o le fotomaschere (gli stampi usati nella produzione di chip), avendo il 70% di quota globale di fotomaschere grezze. La nostra relazione con l'azienda è in corso da oltre dieci anni e c'è un dialogo aperto, e recentemente hanno rafforzato la disclosure sulle emissioni di carbonio. Come parte dell'iniziativa, è stato formato un comitato ESG per migliorare questo e molti altri punti della governance interna e della comunicazione esterna".

 

"La vendita al dettaglio è un'altra area in cui pochissimi investitori stanno andando perché le barriere all'entrata sono percepite come troppo basse e non durature. È davvero uno spazio difficile in cui investire perché la concorrenza è intensa, ma ancora una volta se si guarda bene ci si può imbattere in eccezioni con un vantaggio competitivo molto forte. Costco è una di queste. Dalla sua fondazione negli anni '80, Costco ha sempre mantenuto la stessa strategia generando un bell'effetto volano. Costco offre ai membri del suo programma fedeltà alcuni marchi a un prezzo molto migliore della concorrenza e prodotti a marchio privato di altissima qualità. Questo crea un circolo virtuoso in cui la community degli affiliati continua a crescere, spendendo di più, aumentando il fatturato e aumentando il potere contrattuale che Costco ha con i fornitori; ha l'abitudine incessante di trasmettere il proprio potere di negoziazione e l'efficienza sui membri del programma fedeltà. Negli ultimi 15 anni, i membri sono cresciuti del 7% all'anno, il numero di punti vendita del 3,8% all'anno e l'EPS del 9,4% all'anno. E il 70% dei profitti operativi proviene dall’affiliazione, creando molta visibilità", spiega il gestore.

 

"Le percezioni errate possono anche essere dovute all'ancoraggio al passato, come nel caso dei videogiochi. In precedenza, i videogiochi venivano venduti in scatola. Gli sviluppatori spendevano milioni per sviluppare giochi e, una volta lanciata la nuova proposta, l'unica cosa che potevano fare era pregare per il successo. Oggi, i giochi vengono scaricati direttamente dagli utenti. Questo innanzitutto taglia la commissione dell'intermediario e migliora i margini degli sviluppatori, ma soprattutto crea una connessione diretta tra sviluppatori e gamer. Lo sviluppatore francese Ubisoft usa le heatmap, come fanno molti player di settore, per mostrare le aree del gioco dove gli utenti sono più attivi. Quando un'area della mappa viene illuminata, gli sviluppatori possono quindi controllare in tempo reale quale parte del gioco ha successo e quale no. Il modello di business si sta anche evolvendo con più microtransazioni, per esempio l'acquisto di un oggetto virtuale come una nuova arma o un nuovo vestito per qualche dollaro in più, o estensioni del gioco, creando flussi di entrate più visibili", conclude Narboni.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.