Commodity trainate da inflazione e transizione energetica

Gli esperti di WisdomTree ritengono che qualsiasi battuta d'arresto sia di natura temporanea e rappresenti pertanto un ottimo punto d'ingresso nel mercato delle materie prime, che probabilmente vedrà una forte crescita a medio termine
25/11/2021 | Lorenza Roma

"Il calo dell'1,1% delle materie prime registrato il mese scorso è ascrivibile in gran parte al calo dei prezzi del gas naturale e dell'alluminio. Entrambe le materie prime hanno avuto guadagni astronomici all'inizio dell'anno e sono ancora in crescita rispettivamente dell'88% e del 35% nel corso dell'ultimo anno. Crediamo che l'attuale contesto di inflazione elevata sarà positivo per il complesso delle materie prime", dichiara Nitesh Shah, head of commodities & macroeconomic research di WisdomTree.

 

"L'inflazione dell'indice dei prezzi al consumo (CPI) statunitense è aumentata del 6,2% nel mese di ottobre 2021, segnando il più alto livello di inflazione dal 1990. Il dato, rilasciato mercoledì 10 novembre 2021, ha superato le previsioni di Bloomberg del 5,9%. Il fatto che il mercato continui ad essere sorpreso dall'inflazione indica che qualcosa manca ancora all'appello nelle aspettative del mercato. Crediamo che gli shock dal lato dell'offerta siano sia più grandi che più persistenti di quanto il mercato si aspettasse. I segni rivelatori dei colli di bottiglia dell'offerta sono disseminati nei dettagli, compresi i prezzi elevati dell'energia e delle auto", prosegue l'esperto.

 

"Le materie prime sono particolarmente ben posizionate per proteggersi da un'inflazione inaspettata, hanno il beta dell'inflazione più forte di tutte le principali asset class. Inoltre, questo beta con l'inflazione inattesa è persino superiore al beta con l'inflazione attesa. Se i driver dell'inflazione oggi sono imprevedibili, allora le materie prime sono il settore a cui rivolgersi. Il dato sull'inflazione di ottobre è stato sufficiente per ridare vita all'oro. Per la maggior parte di quest'anno, l'oro ha deluso come copertura. Secondo i nostri modelli interni di previsione, l'oro avrebbe dovuto raggiungere i 2.300 dollari l’oncia, mentre il metallo è stato scambiato in un range di 1730-1830 dollari l’oncia per la maggior parte degli ultimi 5 mesi. Le cifre dell'inflazione di ottobre hanno aiutato l'oro a superare la soglia dei 1860 dollari per la prima volta in cinque mesi. I guadagni dell'oro sono stati impressionanti, tenendo anche conto del dollaro statunitense in apprezzamento e dell'aumento dei rendimenti del Tesoro".

 

"Crediamo che il dollaro statunitense si stia apprezzando - prosegue Shah - perché i mercati si aspettano che la Federal Reserve sia spinta ad agire più velocemente sull'inflazione, viste le recenti sorprese. Anche se la Federal Reserve si è premurata di specificare che la decisione di aumentare i tassi d'interesse e la decisione di ridurre gli acquisti di obbligazioni sono separate, i mercati dei futures stanno valutando un aumento dei tassi più rapido dopo la pubblicazione dei dati sull'inflazione. Se la Federal Reserve è in grado di aumentare i tassi più velocemente rispetto alle altre banche centrali, aumenterà i loro differenziali di interesse e questo sarà positivo per il dollaro. La forza del dollaro è normalmente negativa per le materie prime, ma l'entità della forza dell'inflazione, specialmente da fonti inaspettate, può sostenere il settore".

 

"Altri rischi a breve termine per le materie prime includono un visibile rallentamento della crescita in Cina. In seguito alla debacle di Evergrande, una flessione del settore immobiliare in Cina potrebbe avere un impatto notevole sulla domanda di materie prime. Tuttavia, ci aspettiamo che qualsiasi battuta d'arresto sia di natura temporanea e rappresenti pertanto un ottimo punti d'ingresso nel mercato delle materie prime, che probabilmente vedrà una forte crescita a medio termine grazie al miglioramento della domanda di infrastrutture in altre parti del mondo e a una transizione energetica che sarà particolarmente favorevole ai metalli di base e limiterà la produzione di idrocarburi", conclude Shah.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.