Amundi punta a nuove acquisizioni e a rafforzare l'asset management

La società, si legge nel piano strategico fino al 2025, coglierà le opportunità di ampliamento per sfruttare il solido track record di consolidamento e accelerare lo sviluppo
22/06/2022 | Daniele Riosa

Amundi ha obiettivi ambiziosi da qui al 2025. Come si legge in una nota, il principale asset manager europeo e uno dei primi 10 attori globali, presenta il suo piano strategico per il 2025 incentrato sulla realizzazione di una continua crescita organica, sul mantenimento del rapporto costi/ricavi e sulla generazione di forti rendimenti per gli azionisti. Dopo essere diventata un leader globale nell'asset management e aver raggiunto o superato gli obiettivi del suo precedente piano strategico, Amundi intende proseguire il suo percorso di crescita. 

I pilastri di creazione di valore 2022-2025 sono: forte crescita organica (circa 5% di crescita media annua dell'utile netto); efficienza operativa (rapporto costi/ricavi che si mantiene sotto il 53% nel 2025, dopo aver realizzato tutte le sinergie legate a Lyxor); rendimenti interessanti per gli azionisti (pay-out ratio uguale o superiore al 65%, previsto per circa 3 miliardi di euro di dividendi ordinari cumulativi):

Il contesto attuale - precisa la nota - è incerto, con rischi geopolitici e venti contrari macroeconomici. Ciononostante, permangono importanti tendenze di lungo periodo che guideranno la crescita del settore dell'asset management: il gap di risparmio pensionistico di una popolazione che invecchia, l'ampio bacino di risparmio retail in contanti, le continue esigenze di finanziamento della transizione energetica e l'aumento della classe media in Asia.

Amundi è ben posizionata per cogliere queste opportunità e intende essere vincente in un panorama in continua evoluzione grazie alla sua portata globale, alla sua credibilità negli investimenti responsabili, alle sue competenze lungo l'intera catena del valore del risparmio, alle sue capacità digitali, nonché alla sua scala, alla sua efficienza e alla sua esperienza nelle fusioni e acquisizioni.

Ecco le ambizioni da qui al 2025

La crescita - si legge sempre nel comunicato della società - sarà guidata dal continuo sviluppo di Amundi, che sarà leader nell'investimento responsabile, rafforzerà la leadership nella gestione degli asset e diventerà un fornitore di servizi e tecnologie di prim'ordine lungo l'intera catena del valore del risparmio. Amundi continuerà inoltre a perseguire acquisizioni creative di valore, basandosi sul suo track record di consolidatore naturale del settore.

L’obiettivo, è quello di rafforzare la leadership nella gestione patrimoniale, guidare la crescita in tutti i segmenti di clientela:

- Distributori terzi: Raggiungere 400 miliardi di euro di AuM entro il 2025 (rispetto a fine 2021: 324 miliardi di euro) costruendo relazioni personalizzate e diventando i primi 5 partner strategici. relazioni personalizzate e diventando uno dei primi 5 partner strategici. 
- Reti di partner: accedere a un potenziale di crescita non sfruttato e stabilire nuove partnership.
- Clienti istituzionali: costruire su 1,2 miliardi di euro di AuM, concentrandosi su investimenti responsabili, soluzioni su misura, gestione passiva e mercati asiatici. soluzioni su misura, gestione passiva e mercati asiatici. Sfruttare l'intera gamma di competenze.
- Gestione attiva: sfruttare una gamma completa di competenze e una solida performance, nell'ambito di un quadro di rischio solido e centralizzato. 
- Gestione passiva: fortificare la leadership europea e far crescere l'AuM del 50% entro il 2025 (rispetto a fine settembre 2021 AuM: 282 miliardi). settembre 2021: 282 miliardi di euro) aumentando la copertura della clientela, la penetrazione retail e l'offerta di investimenti responsabili. 
- Real asset: aumentare la nostra presenza e far crescere l'AuM a 90 miliardi di euro entro il 2025 (rispetto a fine 2021: 63 miliardi di euro) con concentrandoci su una maggiore commercializzazione al dettaglio e su un ulteriore sviluppo in Europa. Ampliare la leadership in Europa, consolidare la posizione negli Stati Uniti ed essere un top player in Asia.
- Europa: rafforzare la leadership con un potenziale di crescita costante in tutta la regione.
- Stati Uniti: consolidare la presenza nell'hub di investimento ad alta performance. 
- Asia: diventare un operatore di riferimento grazie a un'impronta consistente in una regione in rapida crescita, con 500 miliardi di euro di AuM di AuM nella regione entro il 2025 (rispetto alla fine del 2021: 372 miliardi di euro).

Valérie Baudson, ceo di Amundi, spiega che "la nostra ambizione per Amundi è quella di rafforzare la nostra leadership globale nell'asset management. Rafforzeremo la nostra crescita organica a livello mondiale grazie alle nostre competenze diversificate nella gestione degli asset e alle nostre capacità in termini di tecnologia e servizi. Coglieremo le opportunità di acquisizione per sfruttare il nostro solido track record di consolidamento e accelerare il nostro sviluppo. Il nostro piano strategico per il 2025 si tradurrà in interessanti ritorni per gli azionisti, sia in termini di impegno sul payout ratio che di capacità di generare 2 miliardi di euro di capitale in eccesso nel periodo".

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.