Bce, lo stress test spaventa le banche

Il requisito principale richiesto dalla Bce è un Core Tier 1 all'8% per 128 gruppi europei, di cui 15 italiani. Visco: "Nessun timore, le banche sono solide". Tutte le banche italiane reagiscono male in Borsa
24/10/2013 | Redazione Advisor

I criteri degli stress test diramati dalla Bce e da Mario Draghi (nella foto) non possono far dormire sonni tranquilli agli isitituti italiani. Su 128 gruppi europei, 15 sono banche del nostro Paese e da novembre dovranno fare i conti con gli esami decisi da Francoforte, i quali dureranno un anno. 

 

La verifica Bce sarà organizzata in tre fasi. A una prima analisi dei rischi, liquidità, leva finanziaria e finanziamento, segurà una vlautazione dei bilanci, dei prestiti, dei titoli di Stato, di quelli corporate e ad alto rischio. Poi ci sarà la corretta valutazione a prezzi di mercato, che avverà a metà 2014, che sarà eseguita per analizzare quello che succede ai bilanci se sottoposti a choc particolari. Dopodiché seguirà una valutazione complessiva di ogni banca. 

 

Il requisito principale richiesto dalla Bce è un Core Tier 1 all'8%, un livello definito giusto dal governo della Banca d'Italia, Ignazio Visco, ma che potrebbe mettere in seria difficoltà le banche italiane, gravate da un ammontare molto elevato di crediti in sofferenza. Nel dettaglio del Core Tier 1 delle 15 banche italiane al 30 agosto è: Banca Carige (6,2%), Mps (11%), Credito Valtellinese (8%), Popolare dell'Emilia (8,22%), Popolare di Milano (7,45%), Banca Popolare di Sondrio (7,76%), Banca Popolare di Vicenza (9%), Banco Popolare (10,1%), Credito Emiliano (9,6%), Iccrea Holding (9,73%), Intesa Sanpaolo (11,7%), Mediobanca (11,7%), UniCredit (11,4%), UBI Banca (12,1%), Veneto Banca (7,59%). 

 

"Le banche italiane non saranno penalizzate", ha spiegato Visco. Nel frattempo, però, dopo la notizia tutti gli istituti italiani hanno fatto registrare pesanti perdite in Borsa nella giornata di ieri e Milano è risultata essere la peggiore piazza d'Europa, cedendo il 2,38%.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.