Bpm punta all'efficienza del modello di business

Il nuovo piano industriale del gruppo prevede una serie di azioni che hanno la finalità di rafforzare...
12/03/2014 | Redazione Advisor

Il consiglio di gestione di Bpm ha approvato i dati relativi al 31 dicembre 2013. L'anno si chiude per la banca di Piazza Meda con utile netto consolidato a quota 30 milioni rispetto alla perdita di 430 milioni dell'anno precedente. Il risultato di gestione segna una crescita dell'89,8% essendo pari a 696,367 milioni contro i 366,84 del 31 dicembre 2012. In salita anche i proventi che sono aumentati dell'8,6% passando da 1,549 miliardi a 1,682 miliardi del dicembre 2013.

Ma il consiglio ha anche approvato il nuovo piano industriale 2016-2018 che prevede la modifica alla governance voluta da Bankitalia. Il nuovo modello prevede: la diminuzione del numero dei componenti del consiglio di sorveglianza da 17 a un massimo di 13 membri; l'innalzamento del numero dei componenti del consiglio di gestione da 5 a 7 e l'incremento della componente indipendente in entrambi i consigli. Le altre azioni contenuto nel nuovo piano industriale riguardano: il rafforzamento della base patrimoniale; rafforzamento ulteriore della posizione di liquidità; l'incremento dell'efficienza del modello di business che si eplicherà:

- nella creazione di una banca multicanale integrando we-bank in BPM già nel 2014; tasso di crescita della clientela privata multicanale nel periodo considerato +8%; riduzione del numero delle filiali tradizionali nel 2016 di circa 670 unità ma apertura di punti di vendita specializzati nel 2016 di circa 80. Incremento dei ruoli commerciali nel 2016 di circa 3.200 unità.

Dal punto di vista retail il piano prevede un rafforzamento dei processi di acquisition e cross selling; valorizzazione del ruolo di "banca di territorio" per small business; clusterizzazione della nuova clientela affluent. Dal punto di vista corporate affinamento del servizio che porterà a un incremento della redditività; contenimento dell'esposizione real estate e ribilanciamento degli impieghi nel breve termine.

A livello di PW management incremento significativo di scala e crescita delle masse grazie al polo di eccellenza composto da Akros e BPM Private, e infine una valorizzazione del capitale umano e spending review.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.