GAM, il 2019 delle Banche centrali

Con l'aumento dei tassi da parte della Fed e il cambio di direzione sul fronte politico della BCE
16/01/2019 | Greta Bisello

Le Banche centrali sono state le vere protagoniste degli scorsi anni, indirizzando il sentiment degli investitori. La Fed dal canto suo ha fortemente influenzato l'andamento da quando ha iniziato il suo percorso di normalizzazione della politica monetaria. 

Secondo l'analisi di Larry Hatheway, capo economista di GAM Investments dopo l'annuncio dell'avvicinamento al tasso neutrale "gli investitori hanno tirato un sospiro di sollievo, nella convinzione che il processo di inasprimento politico della Fed sia prossimo al termine. Per noi la verità è che la Fed non ha probabilmente bisogno di spingere la sua politica monetaria in territorio restrittivo, perché difficilmente l’inflazione supererà il target prefissato". 

La politica ad ogni modo sarà sempre più restrittiva e si aspettano rialzi per il 2019.  "Infine, mano a mano che l’inflazione si avvicina e persino supera leggermente il target della Fed, aumenterà anche il rischio di un cosiddetto “overshooting”. In tal caso, i mercati potrebbero rimanere destabilizzati dalla prospettiva di un atteggiamento più aggressivo e meno prevedibile della Fed. Ecco perché riteniamo che l’incertezza in merito alla politica monetaria sarà parte integrante dello scenario d’investimento ancora per svariati mesi nel corso del 2019" conclude l'esperto.

Per quanto riguarda invece la BCE, Grégoire Mivelaz, gestore delle strategie Credit Opportunities di GAM Investments spiega che: "Tutti si aspettano che la BCE annunci il suo primo aumento dei tassi d’interesse, posticipato secondo le ultime indicazioni al 2019, nello specifico a settembre del prossimo anno. L’aumento dei tassi tende a rappresentare uno stimolo per i profitti nel settore finanziario. Di conseguenza, avvicinandoci alla data fatidica, gli investitori cominceranno ad apprezzare tale mossa per il suo probabile incentivo al miglioramento dei bilanci. Ciò vale soprattutto per i leader nazionali che tendiamo a privilegiare. Essendo già posizionati in modo ottimale per sfruttare l’aumento dei tassi, con circa il 50% della ponderazione delle nostre strategie investita in titoli a tasso fisso e variabile, intendiamo beneficiare sia del miglioramento delle metriche di credito, che di uno scenario di incremento dei tassi". 

Nel 2018 un tema preponderante fra gli investitori è stato il de-risking. "Per il 2019 riteniamo che le banche centrali saranno sempre più orientate verso un “quantitative tightening (QT)”. Una domanda che ci fanno spesso è quali saranno le ripercussioni di queste decisioni per i nostri fondi. Il QT è una dinamica solo tangenziale per la nostra strategia, perché non avendo acquistato titoli finanziari durante la fase di quantitative easing (QE) non ci saranno chiusure dirette di posizioni in tale ambito" conclude Mivelaz. 

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.