Illimity SGR, via libera all’effettiva operatività

Con provvedimento del 25 febbraio l’Autorità di Vigilanza ha dato l’ok ad Illimity SGR, nata nell'agosto 2019, all’esercizio del servizio di gestione collettiva del risparmio
06/03/2020 | Redazione Advisor

Un primo anno di attività positivo per Illimity. La banca fondata da Corrado Passerra, tramite il cda, ha dato il via libera al progetto di bilancio 2019. Da questo emerge come, nei primi 12 mesi, sono stati raggiunti 3 miliardi di euro di attivi, con risultato netto positivo nel quarto trimestre. L'approvazione del progetto di bilancio include la proposta di destinazione della perdita, che si ricorda essere pari a 16,1 milioni a livello consolidato, per la quale si propone il riporto a nuovo nell'esercizio successivo. Inoltre il cda di Illimity ha approvato un'operazione straordinaria per l'acquisizione dell'intero capitale sociale di IT Auction, mediante acquisizione del residuo 30%, quota oggi detenuta tramite il veicolo Core sostanzialmente dai soci che hanno ceduto alla Banca il 70% sulla base dell'accordo annunciato a giugno 2019, tra cui il top management della stessa società, finalizzata ad acquisire il controllo totalitario della società e procedere alla sua piena integrazione nel gruppo bancario Illimity.

Nel comunicato diramato dalla banca si legge che “con provvedimento del 25 febbraio scorso l’Autorità di Vigilanza ha autorizzato illimity SGR S.p.A., interamente controllata da illimity, all’esercizio del servizio di gestione collettiva del risparmioai sensi dell’art. 34 del Testo Unico della Finanza. Tale provvedimento sancisce l’avvioeffettivo dell’operatività di illimity SGR S.p.A.

Illimity SGR, nata alla fine di agosto del 2019, si occupa della gestione del patrimonio di organismi di investimento collettivi alternativi (“FIA”) riservati, di tipo chiuso, costituiti con fondi propri e di investitori istituzionali terzi.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.