Brexit: per intermediari britannici in Italia servono autorizzazioni

È quanto ricordato da Bankitalia in una nota dove si legge: "Banche, istituti di pagamento e istituti di moneta elettronica non potranno più operare nel nostro Paese in base al principio del mutuo riconoscimento"
10/11/2020 | Greta Bisello

Il 31 dicembre 2020 è sempre più vicino. La data sancisce la scedenza del periodo di transizione previsto dall'accordo su Brexit.

Con il completamento dell'uscita del Regno Unito dall'Unione europea "gli intermediari britannici – banche, istituti di pagamento e istituti di moneta elettronica – non potranno più operare in Italia in base al principio del mutuo riconoscimento. Pertanto, dopo il 31 dicembre 2020, la prestazione di servizi bancari e finanziari da parte di questi intermediari sarà da considerarsi abusiva ai sensi di legge, a meno che non siano stati nuovamente autorizzati in Italia in base al regime in vigore dal 1° gennaio 2021" è quanto riportata Bankitalia in una nota.

"In mancanza di una nuova autorizzazione essi dovranno aver cessato la propria operatività o trasferito i contratti a un altro intermediario autorizzato. Per evitare disagi e disservizi alla clientela la Banca d’Italia ha più volte sollecitato gli intermediari con sede nel Regno Unito a pianificare e avviare le attività necessarie per affrontare la Brexit in modo ordinato e a informare la propria clientela italiana degli effetti sui rapporti in essere (vedi link). È tuttavia possibile che non tutti i clienti abbiano ricevuto queste informazioni. Considerato l’approssimarsi della scadenza del 31 dicembre, si invitano i clienti di questi intermediari a verificare di avere ricevuto un’informazione adeguata e completa" prosegue l'istituto guidato da Ignazio Visco.

 

Il consiglio e la sollecitazioni sono quelle di prendere al più presto contatto con l'intermediatorio, visto che la scedenza si avvicina, così da ottenere indicazioni sulla possibilità di proseguire o meno i rapporti in essere; "i contatti degli intermediari possono essere reperiti anche sul sito dell’Autorità competente per il Regno Unito, la Financial Conduct Authority" conclude Bankitalia. 

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.