UBS, chiuso l'accordo con gli USA. Utile in crescita del 62,4%

UBS archivia il secondo trimestre del 2013 con un utile netto pari a 690 milioni di franchi, in crescita rispetto ai 425 milioni dell'anno prima.
22/07/2013 | Redazione Advisor

UBS archivia il secondo trimestre del 2013 con un utile netto pari a 690 milioni di franchi, in crescita del 62,4% rispetto ai 425 milioni dell'anno prima. Il colosso elvetico ha anche annunciato di aver trovato un accordo per chiudere il contenzioso legale con la Federal Housing Finance Agency (FHFA), l'agenzia statunitense che controlla Fannie Mae e Freddie Mac.

 

La FHFA accusava UBS (e altre 16 banche) di aver venduto alle due controllate titoli legati ai mutui non rispettando la legge che impone una preventiva analisi approfondita dei prodotti da vendere. Il costo dell'accordo non è stato indicato ma, complessivamente, la voce relativa agli oneri per contenziosi, svalutazioni e altri accantonamenti ammonta nel secondo trimestre 2013 a 865 milioni di franchi. Il core tier 1 ratio secondo Basilea 3 dovrebbe essere dell'11,2 per cento.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.