Unipol, cresce il ramo Vita nel 2014

Utile netto a 505 milioni di euro a +168,8%. La raccolta del ramo Vita cresce del 27,7%, cala la raccolta Danni
11/02/2015 | Alessandro Chiatto

Il gruppo finanziario Unipol chiude in crescita il 2014, con un utile netto di 505 milioni di euro, in crescita del 168,8% rispetto ai 188 milioni del 2013. Come si legga in una nota, il risultato è stato ottenuto per "la completa revisione dei crediti bancari in logica Aqr, che ha comportato svalutazioni e rettifiche per circa 450 milioni di euro". In flessione il settore Danni (-8,7%), mentre il Vita è cresciuto del 27,7%.

 

Il settore Danni ha registrato una raccolta di circa 9 miliardi. Escludendo l'effetto della cessione di 725 agenzie ex Milano Assicurazioni ad Allianz, a variazione stimata della raccolta diretta Danni nell'anno in corso si attesterebbe intorno al -5,9%. La raccolta premi  “ha risentito del quadro macroeconomico recessivo e dei suoi effetti sulle tariffe”, si legge nella nota, “indotti da un contesto di mercato molto competitivo, a fronte del quale il gruppo ha intrapreso politiche commerciali finalizzate alla difesa del portafoglio”.

 

Nel comparto Vita la raccolta diretta ha raggiunto 8,915 miliardi di euro, con la conferma dell'aumento dei prodotti tradizionali.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.