Generali: calano i premi, ma migliora l'utile nel 2016

Cresce il segmento Danni (+2,1%), mentre il Vita scende del 6,3% a 49,73 miliardi. Raccolta a 12 miliardi
17/03/2017 | Massimo Morici

Il gruppo Generali chiude il 2016 con un utile netto di 2,081 miliardi di euro, in lieve miglioramento (+2,5%) dai 2,030 calo del 2015 e pari. L’incremento dell’utile, si legge in una nota, è stato raggiunto "nonostante i programmati minori profitti di realizzo, frutto di una gestione in linea con la strategia di preservare la futura redditivita e testimonia la qualità del risultato del periodo". I premi complessivi ammontano a 70,5 miliardi, in calo del 3,9% dai 74,16 miliardi del 2015. Cresce il Danni (+2,1%), mentre dil Vita si attesta a 49,73 miliardi (-6,3%). Il risultato operativo di gruppo raggiunge i 4,8 miliardi in crescita dello 0,9% dai 4,8 miliardi del 2015. La raccolta netta supera i 12 miliardi (-18,5%).

“Siamo orgogliosi di questi risultati, ma li consideriamo solo un primo passo nel percorso intrapreso per diventare la migliore compagnia di assicurazione per clienti, agenti, dipendenti e investitori e guardiamo al futuro con fiducia, come un Gruppo indipendente, italiano, a vocazione internazionale” ha commentato il ceo Philippe Donnet (nella foto). Il numero uno del Leone in merito a future acquisizioni ha detto di guardare opportunità se consentiranno di accelerare l'esecuzione del nostro piano e per ora sul tavolo non c’è nulla. Donnet ha definito “favole” i tentativi di scalata (Intesa in promis) di cui si è parlato nelle scorse settimane e ha confermato la sua visione che vede le Generali un gruppo assicurativo “indipendente, italiano e a vocazione internazionale”. Parlando della controllata Banca Generali, Donnet ha detto che è un “asset di grande qualità. Restiamo così, non c’è nessun piano particolare”. Il ceo, durante la conference call con gli analisti, ha detto che attorno a maggio il gruppo "presenterà un forte piano strategico sull'asset management" con l'obiettivo di la base di ricavi da commissioni.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.