Amundi: aumenta l'utile 2017 grazie a Pioneer

Confermato obiettivo al 2020 di raddoppiare l'utile netto rispetto a quello del 2015
09/02/2018 | Redazione Advisor

Amundi ha chiuso il 2017 con un utile netto di 681 milioni, in notevole miglioramento rispetto ai 568 milioni del 2016.

Un contributo ai risultati del 2017 è stata l'acquisizione a luglio di Pioneer Investments da UniCredit, che ha permesso al gruppo francese di Agestire un patrimonio di 240 miliardi di euro di asset. La raccolta netta è stata pari a 71 miliardi di €, guadagni netti combinati e adjusted pari a 918 milioni in aumento del 14%.

 

Se si guarda all'Italia, prosegue la nota, si può vedere come l'attività retail sia aumentata facendo segnare un incremento di 9 miliardi, in particolar modo ingenti gli afflussi nelle reti Unicredit pari a 6,5 miliardi che testimoniano l'ottima partnership in atto.


 

Yves Perrier, a.d. di Amundi, ha dichiarato: "Come nel 2016, anche nel 2017 Amundi ha superato gli obiettivi commerciali e finanziari che erano stati fissati alla fine del 2015. Questi buoni risultati confermano la forza del modello di business di Amundi, ulteriormente potenziato dall'integrazione di Pioneer in tre aree chiave: capacità di distribuzione, competenza e talento. In questo contesto, i nuovi obiettivi per il 2018-2020 prevedono un'accelerazione della crescita e della redditività, con in particolare un aumento duplice del reddito netto in relazione al livello osservato al momento della quotazione di Amundi".

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.