Mediobanca, continua la crescita della divisione WM

L’istituto archivia il terzo trimestre dell'esercizio 2020-2021 con un utile netto di 193,3 milioni rispetto agli 84,6 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente
11/05/2021 | Redazione Advisor

Utile netto più che raddoppiato per Mediobanca. La banca, infatti, archivia il terzo trimestre dell'esercizio 2020-2021 con un utile netto di 193,3 milioni rispetto agli 84,6 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente. Mediobanca, in una nota spiega che “i nove mesi vedono la conferma di una robusta attività commerciale in tutti i segmenti, trainata dagli investimenti in persone, tecnologia e distribuzione che hanno permesso di superare brillantemente gli effetti del lockdown, accelerando il percorso di crescita. Ricavi, utile e solidità patrimoniale mostrano apprezzabili aumenti, confermati anche nell'ultimo trimestre".

Anche il margine di intermediazione è salito del 13,9% a 662,8 milioni. Nei nove mesi chiusi al 31 marzo l'utile è salito del 9,4% a 603,9 milioni. I ricavi sono aumentati del 3% a 1,96 miliardi, con commissioni nette al livello record di 571 milioni (+17%) e margine di interesse a 1,1 miliardi (-1%). In crescita dell'1,6% a 905,6 milioni i costi di struttura, per un rapporto cost/income in calo al 46,1%. Sul fronte della solidità patrimoniale, il coefficiente CET1 è al 16,3%, in aumento di 20 punti base rispetto a giugno 2020.

Per quanto riguarda il wealth management, i nove mesi chiudono con un utile in crescita dell’11,3% a 74 milioni (66,5 milioni lo scorso anno) che consentono alla divisione di mantenere una redditività elevata (ROAC al 22%). Su base trimestrale la crescita è dell’8,4% (da 25 a 27,1 milioni) sostenuta dall’apprezzabile andamento dei ricavi (+4,6% su base annua e +3,5% rispetto allo scorso trimestre) strettamente connesso alla crescita delle masse qualificate – AUM/AUA - (da 42 a 44,1 miliardi nel trimestre) e che porta il Cost/Income al 74% (76,2% lo scorso anno).

Nei nove mesi la struttura distributiva si rafforza di 60 professionisti, per la metà entrati a partire da gennaio 2021. CheBanca! ha incrementato nel trimestre la forza vendita con l’ingresso di 12 nuovi gestori Premier (che a fine periodo salgono così a 479) e 18 consulenti finanziari (447) dislocati su 201 punti vendita oggetto di progressiva revisione nell’ambito del progetto di riposizionamento verso la clientela Premier. Parallelamente aumentano gli ingressi nel Private: 6 ingressi in CMB Monaco nell’ambito del piano di turnover e 3 in Mediobanca Private Banking; complessivamente i Private Banker salgono a 134 di cui 85 sul mercato domestico.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.