Piano industriale ambizioso per illimity

Il Gruppo fondato da Corrado Passera prevede di raggiungere nel 2025 un utile netto di 240 milioni di euro e ricavi in crescita di oltre il 30% all’anno nel prossimo quadriennio
22/06/2021 | Redazione Advisor

Utile netto tra i 60 e i 70 milioni nel 2021, che salirà a 140 milioni per il 2023 e a 240 milioni nel 2025, e un Roe del 10% quest’anno, del 15% nel 2023 e del 20% nel 2025. Sono gli obiettivi del Piano Strategico 2021-25 del Gruppo illimity approvato ieri dal CdA della Banca.

 

Il Piano prevede ricavi in crescita di oltre il 30% medio annuo nel periodo 2020-25, raggiungendo oltre 450 milioni di euro nel 2023 e circa 660 milioni di euro nel 2025. Nel corso del Piano è previsto un graduale ribilanciamento del contributo del margine di interesse dal 59% del 2020 al 55% del 2025, a seguito del progressivo incremento della componente di ricavi commissionali e di altri ricavi. Contribuiscono a quest’ultima dinamica lo sviluppo delle nuove iniziative – neprix Sales, B-ILTY (la prima banca diretta completa per le piccole imprese, che verrà lanciata entro l’anno), capital markets per le PMI, illimity SGR – i profitti ricorrenti derivanti dall’attività di cessione e gestione stragiudiziali della Divisione Distressed Credit e l’incremento della componente reddituale legata a eventi di credit revaluation nell’attività di Turnaround.

 

I costi operativi sono previsti in crescita in misura meno che proporzionale rispetto ai ricavi, con tasso di crescita media annua del 14% nel periodo 2020-25, con un primo target di costi operativi, inclusi ammortamenti, pari a circa 216 milioni di euro nel 2023 e circa 255 milioni di euro nel 2025.

 

Il Piano prevede un totale degli attivi attesi superiore a 7 miliardi di euro nel 2023 e circa 10 miliardi nel 2025. All’interno di questa componente, il portafoglio titoli di proprietà della Banca è previsto stabilmente pari a circa il 10% del totale attivi con una duration relativamente contenuta (circa 4,5 anni) e una buona diversificazione per area geografica e tipologie di investimento. Si conferma inoltre l’approccio prudente di illimity alla gestione della liquidità, prevista rimanere abbondante in arco Piano con la componente di cassa, crediti verso banche e portafoglio titoli stabilmente intorno al 20% circa del totale attivi;

 

Come si legge nel comunicato di presentazione del Piano industriale di illimity, si conferma l’impegno della Banca a mantenere una robusta capitalizzazione, con un target di CET1 Ratio superiore al 15% in tutto l’orizzonte di Piano e un Total Capital Ratio nell’intorno del 18%. Gli indicatori regolamentari – LCR e NSFR – sono previsti in arco Piano ben al di sopra dei minimi regolamentari, in continuità con la situazione attuale della Banca.

 

Il Piano conferma la centralità della tecnologia, e in tale contesto è stata annunciata un’alleanza strategica con il Gruppo Ion, che si realizzerà attraverso un accordo di licenza su piattaforma IT di Illimity che genererà 90 milioni di euro di ricavi entro il 2025 e accordi di collaborazione di lungo periodo in settori e servizi cruciali quali, tra gli altri, data analytics, credit scoring, market intelligence. L’accordo di collaborazione è sancito anche da una partecipazione complessiva sino al 9,99% del capitale sociale di Illimity da ottenersi attraverso un aumento di capitale riservato al Gruppo Ion.

 

“Oggi è un giorno particolarmente importante per illimity e i suoi oltre 650 illimiters” ha commentato Corrado Passera, ceo e fonsatore di illimity. “In poco più di due anni abbiamo costruito una banca innovativa al servizio delle imprese per coprire bisogni molto sentiti nel credito alla crescita, nel credito ai risanamenti aziendali, nel credito distressed. Sempre con l’obiettivo di sviluppare potenziali ancora inespressi. I pilastri fondanti sono le nostre persone e le nostre tecnologie: su entrambe continueremo a investire con ottica di lungo periodo. La pandemia ci ha temporaneamente rallentato, ma da questo periodo – difficile per tutti – usciamo ulteriormente rafforzati. Oggi abbiamo presentato un Piano certamente ambizioso ma altrettanto concreto. Ci impegniamo a portare utili importanti ai nostri azionisti, ma ci impegniamo anche ad essere molto utili al nostro Paese in questa fase di rilancio e di recupero di fiducia”.

 

Riguardo infine alla partnership con Ion, Passera ha aggiunto: “Mi fa estremamente piacere accogliere tra i nostri azionisti di lungo periodo il Gruppo Ion ed, in particolare, Andrea Pignataro con il quale condivido una visione di fortissima innovazione davanti a noi. Dalla nostra partnership ci aspettiamo sinergie tecnologiche e commerciali molto significative che rafforzeranno ulteriormente il nostro Piano d’Impresa.”

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.