Le banche americane fanno il pieno di utili

JpMorgan Chase ha visto aumentare l'utile netto trimestrale del 155%, mentre i ricavi sono scesi del 7%. In tre mesi la prima banca americana ha prodotto profitti netti per 11,9 miliardi
14/07/2021 | Redazione Advisor

Trimestrali da urlo per le grandi banche statunitensi che hanno totalizzato 1.500 miliardi di dollari di utili. Come si legge su Il Sole 24 Ore, JP Morgan, il principale istituto statunitense per asset, ha dato il via ad una stagione dei bilanci della Corporate America che per il periodo aprile-giugno si preannuncia d'oro: ha riportato utili in rialzo del 155% a 11,95 miliardi, pari a 3,78 dollari per azione che hanno battuto nettamente anche le già rosee attese degli analisti di 3,20 dollari.

Sulla stessa linea anche Goldman Sachs che non è stata da meno mettendo a segno profitti in forte ascesa a 5,49 miliardi, pari a 15,02 dollari per azione che hanno frantumato previsioni di 10,25 dollari. Le grandi aziende americane, con picchi in settori quali la finanza, sono attese a impennate dei profitti di almeno il 64% rispetto al secondo trimestre dell'anno scorso, paralizzato dalla crisi da pandemia. Una performance che nutre l'ottimismo viene ritenuta indispensabile dagli investitori per dare fiato a un mercato azionario reduce da molteplici record e che oggi fai conti con nuove sfide.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.