‘Fare Presto!’: “Enasarco avrà un presidente iscritto da almeno 10 anni”

La lista sostenuta dall’Anasf spiega che "solo chi conosce realmente i sacrifici di queste professioni può davvero rappresentarci e mettere in campo la ripartenza tanto attesa"
17/09/2020 | Redazione Advisor

Le elezioni Enasarco (al via tra una settimana esatta) porteranno al voto i circa 220mila iscritti di un ente con oltre 80 anni di storia e la missione, in primis, di gestire i fondi pensionistici dei propri iscritti. Tra le liste candidate, la numero uno è "Fare Presto!", sostenuta dalle sigle Anasf, Federagenti, Fiarc e Confesercenti.

"Dal 24 settembre al 7 ottobre la fondazione gioca una partita cruciale per il suo futuro e per quello dell'intero sistema pensionistico italiano"; - recita una nota di "Fare Presto!" - "dopo anni di gestione molto discussa e spesso fonte di scandali giornalistici, l'Ente ha bisogno ora di essere governato da chi conosce il nostro mestiere: da chi, per intenderci, come noi versa i propri contributi in Enasarco da una vita". Tra i punti del programma di "Fare Presto!" c'è infatti quello di assegnare la presidenza dell'Ente ad un agente o consulente iscritto alla Fondazione da almeno 10 anni "perché solo chi conosce realmente i sacrifici di queste professioni può davvero rappresentarci e mettere in campo la ripartenza tanto attesa".

“Consulenti e agenti devono essere al centro dell’agenda Enasarco per il prossimo quadriennio e la nostra proposta va proprio in questa direzione", prosegue la nota. "Noi di "Fare Presto!" siamo preparati e pronti a far governare la cassa previdenziale a chi ha le giuste professionalità per gestirla e rilanciarla. Al centro del nostro programma ci sono le competenze: siamo l'unica, tra le liste candidate, ad avere in organico le persone con le skills adeguate per produrre un aumento delle rendite del patrimonio dell’Ente. La nostra proposta riguarda un metodo di lavoro più moderno, al passo con le nuove dinamiche, per raggiungere una pensione all'altezza delle aspettative", conclude la nota.

La parola ora passa agli iscritti, che tra una settimana esatta (dal 24 settembre al 7 ottobre 2020) sono chiamati a esercitare il proprio diritto di voto: possono farlo via PEC (la maggioranza degli iscritti ha ricevuto una e-mail dall'ente con un link per votare) o tramite il cedolino con QR Code spedito dall'ente per posta. Si può votare online dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle ore 18 e il sabato e la domenica dalle ore 9 alle ore 20.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.