Anasf: “Conte includa gli agenti nel decreto Ristori”

L’associazione insieme ad Assopam, Federagenti e Fiarc ha scritto al governo perché “è evidente che i circa 220mila intermediari del commercio e finanziari italiani stiano subendo un ulteriore fortissimo contraccolpo economico”
09/11/2020 | Redazione Advisor

In una lettera inviata stamattina al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e, per conoscenza, ai presidenti di Camera e Senato e ai dicasteri dell'Economia e dello Sviluppo Economico, le sigle Anasf, Assopam, Federagenti e Fiarc hanno chiesto "l'inclusione delle categorie degli agenti di commercio e degli intermediari finanziari nel Decreto Ristori Bis".

Come noto, infatti, le categorie professionali degli agenti di commercio, dei consulenti finanziari, degli agenti in attività finanziaria, dei collaboratori di AAF e SMC e delle aziende mandanti, non sono state inserite tra le beneficiarie di tale provvedimento e le quattro sigle, nella nota inviata a Conte, chiedono "in ragione delle legittime aspettative delle categorie rappresentate, che queste ultime vengano ricomprese dal novero dei beneficiari dei ristori. È evidente, infatti, che i circa 220.000 intermediari del commercio e finanziari italiani stiano subendo un ulteriore fortissimo contraccolpo economico in questa fase, avendo come clientela imprenditori ed esercizi che operano nei settori recentemente oggetto di chiusura totale o parziale. Si tratta di intermediari che svolgono la propria attività sotto forma di impresa individuale o societaria e per questo riteniamo che tali categorie debbano rientrare tra le beneficiarie del decreto in oggetto", scrivono Anasf, Assopam, Federagenti e Fiarc nella lettera inviata al presidente del Consiglio.

"Siamo certi - proseguono - che comprenderete la necessaria e strategica urgenza delle nostre richieste, tese a salvaguardare infrastrutture di servizio imprescindibili sia per il futuro delle famiglie coinvolte che per l’intero sistema paese. Attendiamo fiduciosi - termina la nota delle quattro sigle - che venga dato riscontro positivo a tale nostra proposta per superare questa fase di incertezza che le nostre categorie stanno vivendo come una ingiustizia".

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.