Enasarco, Mei presidente. Luigi Conte: “Ecco le nostre priorità”

Il numero uno di Anasf ad Advisoronline: “Cercheremo di fare in modo che quelle che sono le questioni annose che attanagliano l’ente possano essere gestite al meglio: pensiamo al problema dei silenti e alla gestione del settore immobiliare”
25/01/2022 | Daniele Riosa

“Per noi è una grande soddisfazione dopo tutto quello che è accaduto in questi mesi. Riteniamo che adesso sia utile concentrarsi sugli obiettivi principali. Innanzitutto quello di far ripartire la gestione dell’ente che resta un ente previdenziale di primaria importanza ed è doveroso, da parte di chi oggi assume l’incarico di governarlo, farlo nel miglior modo possibile”. Luigi Conte, presidente di Anasf, con un’intervista ad Advisoronline, esprime tutta la sua soddisfazione dopo che, su ordine del Tribunale di Roma del 18 gennaio, il consiglio di amministrazione dell'Ente di previdenza degli agenti di commercio e dei consulenti finanziari ha eletto il nuovo presidente.

Alfonsino Mei, candidato dalla coalizione guidata da Confesercenti con Anasf, Assopam, Confartigianato, Federagenti e Fiarc, assume infatti la guida della fondazione prendendo il posto di Antonello Marzolla. Oltre a Mei, nel cda, i neo consiglieri sono Carlo Alberto Panigo, Giuseppe Capanna e Massimo Tamborrino. Nominati anche il vicepresidente vicario Giuseppe Capanna e il vicepresidente Domenico Siclari.

“In primis - prosegue Conte - pensiamo a lavorare, sono molti i temi e le urgenze da affrontare con il nuovo consiglio di amministrazione e il nuovo presidente, espressione dei consulenti finanziari e di Anasf. Attraverso il presidente Mei crediamo di poter dare un contributo importante per migliorare le condizioni di gestione dell’ente”.

E dal punto di vista dei consulenti dice: “Ci sono delle istanze che abbiamo già presentato in campagna elettorale, quando abbiamo dato la nostra disponibilità a candidare autorevoli esponenti dell’associazione che ci hanno poi portato fino alla presidenza Mei. Basta rileggere il programma in cui sono inserite tutte quelle attività che dovranno essere svolte per migliorare la gestione complessiva dell’ente. Sono tanti i temi da affrontare”.  

“Sicuramente – precisa il numero uno di Anasf - i consulenti, e non solo loro, potranno vantare una migliore gestione dei fondi. Cercheremo di fare in modo che quelle che sono le questioni annose che attanagliano Enasarco possano essere gestite al meglio: pensiamo al problema dei silenti e alla gestione del settore immobiliare”.

“Proprio in considerazione di questi punti – conclude Luigi Conte - i fondi versati in Enasarco potranno essere gestiti meglio in proiezione futura rispetto a quelle che saranno le pensioni dei consulenti finanziari e degli agenti tutti”.

Il neo presidente Alfonsino Mei commenta così la sua nomina: “Questo incarico è per me un onore ed un impegno al quale mi dedicherò con grande passione. Vorrei che questa consiliatura diventasse il risultato della più ampia condivisione di idee, suggerimenti e proposte dei vari consiglieri: le nostre diversità e le nostre opinioni, anche se divergenti, saranno solo un punto di forza che ci permetterà di mettere insieme i diversi punti di vista ed affrontare i problemi da diverse angolature. Il principale dovere cui tutti siamo chiamati, io per primo come presidente, è di dare una risposta concreta ai nostri iscritti, fino ad oggi dimenticati, combattendo con ogni mezzo anche le conseguenze nefaste di questa pandemia”.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.