AIFMD, solo 5 giorni per rispettare i primi obblighi

Entro il 30 aprile le prime scadenze imposte dalla direttiva europea. Assogestioni avvia una commissione tecnica.
25/04/2015 | Francesco D'Arco

Mancano pochi giorni all'entrata in vigore delle prime norme della direttiva AIFM: entro giovedì 30 aprile è infatti prevista la prima applicazione delle nuove norme introdotte lo scorso 3 aprile 2015 con l'entrata in vigore di una serie di provvedimenti emanati rispettivamente dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, dalla Banca d'Italia e dalla CONSOB al fine di recepire la normativa europea. 

 

A ricordare la scadenza Assogestioni che ha reso noto di aver avviato una Commissione Tecnica sul tema al fine di proseguire il lavoro iniziato nel 2012 con la creazione della Task Force AIFMD. Il primo incontro della commissione si è tenuto il 14 aprile e, in quell'occasione, sono state illustrate le principali novità introdotte dalla disciplina di recepimento della AIFMD. 

 

All'incontro, introdotto e coordinato da Roberta D'Apice, Direttore del Settore legale dell'Assogestioni, hanno partecipato: Roberto Ciciani(MEF), Luca Zucchelli e Daniele Veneziano (Banca d'Italia), Filippo Macaluso, Daniela Gariboldi, Lorenzo Lentini e Giovanna Frati(CONSOB). 

 

"Proprio le Istituzioni e le Autorità di vigilanza hanno fornito ai presenti chiarimenti su alcune specifiche questioni rappresentate da Assogestioni, le quali riguardano principalmente: l'esternalizzazione di funzioni; le politiche di remunerazione; la valutazione dei beni; il sistema di gestione dei rischi degli OICR; il patrimonio di vigilanza; la leva finanziaria; il depositario; i GEFIA sotto soglia; gli obblighi informativi nei confronti dei partecipanti; le segnalazioni di vigilanza" si legge sul sito di Assogestioni che annuncia di essere al lavoro con le Autorità di vigilanza ai fini della definizione di specifiche FAQ sull'applicazione della nuova disciplina.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.