Risparmio gestito, +1.000 miliardi in 5 anni

Intesa Sanpaolo, Amundi e M&G si aggiudicano l'ultimo podio del 2016, rispettivamente con una raccolta netta mensile pari a...
24/01/2017 | Francesco D'Arco

Intesa Sanpaolo, Amundi e M&G si aggiudicano l'ultimo podio del 2016, rispettivamente con una raccolta netta mensile pari a 1,7 miliardi, 1,1 miliardi e 425,3 milioni di euro. A rilevarlo l'Ufficio Studi di Assogestioni che ha diffuso oggi i dati relativi ai flussi di dicembre 2016. Il dodicesimo mese dell'anno si chiude con un saldo nettamente inferiore rispetto al mese precedente, solo 595 milioni di raccolta netta contro i 3,2 miliardi di novembre, ma non impedisce all'industria del risparmio gestito di archiviare tutto il 2016 con un bilancio positivo per oltre 54,9 miliardi di euro. 

 

A spingere la raccolta netta nel corso dell'anno da poco concluso soprattutto i fondi di lungo termine che in dodici mesi hanno visto flussi per oltre 34,4 miliardi, di cui 18,8 confluiti nei prodotti obbligazionari e 14,5 negli strumenti flessibili. Positive anche le gestioni di portafoglio istituzionali che raccolgono da inizio anno oltre 20,2 miliardi di euro. Segno meno, invece, per i fondi azionari (-1,6 miliardi in dodici mesi), i fondi monetari (-1 miliardo) e gli hedge fund (-395 milioni).

 

Tornando all'andamento dei flussi delle singole società, a dicembre, dietro al podio, si distinguono Mediolanum, con 357,5 milioni di raccolta netta positiva, e Fondaco con 330 milioni. Devono, invece, fare i conti con flussi negati le altre due big italiane dell'industria: Generali (-2,3 miliardi) e Pioneer (-854 milioni).

 

Da segnalare, infine, il nuovo record storico del patrimonio complessivo gestito dall'industria monitorata da Assogestioni che chiude il 20167 con 1937 miliardi di euro, 1.000 miliardi in più rispetto al 2011 (937 milioni), l'ultimo anno in cui l'industria registrò un calo degli asset rispetto ai dodici mesi precedenti.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.