Risparmio gestito, ancora patrimonio record per l’industria

Secondo i dati diffusi da Assogestioni a luglio gli asset toccano quota 2.545 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 2.504 miliardi del mese di giugno
14/09/2021 | Paola Sacerdote

A luglio il patrimonio dell’industria del risparmio gestito in Italia raggiunge un nuovo record attestandosi a 2.545 miliardi di euro, in crescita rispetto ai 2.504 miliardi del mese di luglio. E’ quanto emerge dalla Mappa mensile del Risparmio Gestito elaborata da Assogestioni.

 

La raccolta complessiva è stata pari a 6.370 milioni di euro (+57,7 miliardi di euro da inizio anno), con 7.181 milioni di euro che si sono riversati nelle gestioni collettive, mentre le gestioni di portafoglio hanno visto deflussi per 811 milioni di euro. La raccolta netta dei fondi aperti è stata pari a 6.628 milioni di euro, in forte crescita rispetto ai 4.096 milioni del mese precedente, mentre i fondi chiusi hanno raccoto 553 milioni, in leggero calo rispetto ai 606 milioni di giugno.

 

Scendendo nel dettaglio della raccolta dei fondi aperti, gli strumenti di lungo termine hanno raccolto 4.928 milioni di euro, in leggero calo rispetto ai 5.306 milioni del mese precedente, mentre è tornata positiva la raccolta dei fondi monetari, che dopo i deflussi per 1.210 milioni di euro di giugno, a luglio hanno visto afflussi netti per 1.700 milioni di euro. A livello di singole asset class, gli investitori hanno scelto la prudenza privilegiando le esposizioni bilanciate, che hanno raccolto 2.170 milioni di euro, seguite dai fondi obbligazionari (1.871 milioni di euro), mentre i fondi azionari rimangono distanziati con 498 milioni di afflussi, in netto calo rispetto ai 2.200 milioni di euro raccolti nel mese di giugno.

 

A livello di singole società, tra le prime venti menzionate da Assogestioni, a luglio sul primo gradino del podio per raccolta si posiziona il Gruppo Intesa Sanpaolo con afflussi netti per 2.766 milioni di euro. Al secondo posto troviamo il Gruppo Generali con 1.553 milioni e sul terzo gradino del podio Anima Holding con 478 milioni.

 

“Il dato di raccolta del mese di luglio conferma l’andamento positivo dei flussi che la società sta registrando da tempo, grazie alla stretta collaborazione tra la nostra struttura e le reti del Gruppo Intesa Sanpaolo in primis, con cui si sta realizzando un importante processo di riconversione della liquidità con un focus crescente sul risparmio gestito” ha commentato Saverio Perissinotto, amministratore delegato di Eurizon. “Altrettanto fondamentale è il contributo degli altri partner commerciali sia in Italia sia in ambito internazionale, dove stiamo riscontrando particolare interesse per le nostre competenze sui mercati finanziari cinesi. Anche sulla clientela istituzionale si evidenzia un dato in crescita, grazie a nuovi mandati avviati nell’ultimo periodo. La focalizzazione di Eurizon su qualità del servizio, innovazione di prodotto e performance continua a favorire il consolidamento del rapporto di fiducia con la clientela istituzionale, retail e private”.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.