Fondi azionari, a novembre raccolta boom sulle good news sui vaccini

Gli investimenti netti negli organismi di investimento collettivo sull’equity si sono attestati a 59 miliardi di euro, un record assoluto. I dati di Efama
22/01/2021 | Paola Sacerdote

Le buone notizie sui vaccini per il Covid-19 hanno ridato fiducia agli investitori, che a novembre sono tornati a riversare capitali nel risparmio gestito. E’ quanto rileva Efama nel suo consueto report mensile, che analizza i flussi dell’industria europea dei fondi Ucits e dei fondi alternativi (AIF).

 

Scendendo più nel dettaglio della raccolta, nel penultimo mese dell’anno gli investimenti netti nei fondi aperti e nei fondi alternativi europei sono stati pari a 78 miliardi di euro, oltre il doppio rispetto ai 33 miliardi raccolti a ottobre.

 

La quota maggioritaria dei flussi si è riversata negli organismi di investimento collettivo, che hanno raccolto 75 miliardi di euro, rispetto ai 31 miliardi di euro del mese precedente. All’interno della categoria, i fondi a lungo termine (esclusi i fondi del mercato monetario) hanno registrato afflussi netti per 72 miliardi di euro, oltre tre volte la raccolta di ottobre, che si era fermata a 22 miliardi.

 

A livello di singole asset class, dopo la fuga dal rischio del mese precedente, gli investitori sono tornati a privilegiare i fondi azionari, nei quali si sono riversati 59 miliardi di euro di investimenti netti, un record assoluto, in crescita esposnenziale rispetto ai 4 miliardi del mese precedente. Andamento diametralmente opposto per i fondi obbligazionari, che hanno registrato afflussi netti pari a 8 miliardi di euro, in calo rispetto ai 16 miliardi di euro dell'ottobre 2020. I fondi multi-asset infine hanno registrato afflussi netti di 4 miliardi di euro, rispetto ai 2 miliardi di ottobre.

 

Resta positiva, anche se in rallentamento, la raccolta dei fondi monetari, che hanno registrato afflussi netti pari a 4 miliardi di euro, in calo rispetto ai 9 miliardi del mese precedente.

Infine, i fondi alternativi (AIF) hanno registrato afflussi netti di 3 miliardi di euro, rispetto ai 2 miliardi di ottobre.

 

Grazie alla raccolta positiva del mese, a fine novembre gli asset totali dell’industria europea del risparmio gestito sono cresciuti del 4,4% attestandosi a 18.385 miliardi di euro.

 

"Le vendite nette di fondi azionari sono salite a 59 miliardi di euro nel mese di novembre, battendo il precedente record di 48 miliardi di euro stabilito nel gennaio 2018” ha commentato Bernard Delbecque, senior director for economics and research di Efama. “Questo risultato eccezionale è stato innescato dalla fiducia e dalla speranza degli investitori che l'arrivo dei primi vaccini per il Covid-19 segnerà la fine della pandemia e porterà al ritorno di una crescita economica sostenuta ".

 

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.