UBS AM: in Asia guardiamo alle small cap

Ecco i settori che potrebbero crescere nei prossimi anni secondo Raymond Wong, gestore del fondo UBS Asian Smaller Companies
12/02/2016 | Massimo Morici

Nonostante il rallentamento della Cina, alcuni gestori vedono prospettiva di crescita per le società asiatiche a piccola e media capitalizzazione. “Il contesto macroeconomico è diventato più sfidante ma ci sono comunque opportunità di crescita per le small e mid cap. Ci aspettiamo una crescita della spesa nei settori dei beni voluttuari, dell’automotive e della cura della persona sulla scia del crescente livello dei salari e del Pil pro capite, l’incremento nel tasso di urbanizzazione e un basso livello di penetrazione dei beni di consumo” ha detto Raymond Wong (nella foto), gestore del fondo UBS Asian Smaller Companies.

Secondo il gestore questi fattori, insieme a dati favorevoli sul fronte demografico, dovrebbero portare ad un più alto livello di investimenti nel settore dell’healthcare nel lungo periodo. In aggiunta, i prezzi più bassi delle materie prime e dell’energia sono un fattore positivo per l’Asia, visto che la regione è un’importatrice netta di questi beni. "Ciò si dovrebbe quindi tradurre in una minore inflazione e, in concomitanza con politiche monetarie più espansive, mitigare l’effetto del rallentamento della crescita" aggiunge. .

Il mercato potrebbe aver reagito in maniera eccessiva al recente sell-off che ha portato le azioni a basse valutazioni. Alcune buone società sono state impattate senza valide ragioni, secondo il gestore, secondo cui le società con una forte generazione di cassa ed evidenti segnali di crescita dovrebbero continuare a performare bene nel medio-lungo periodo. “Attualmente, abbiamo un’esposizione significativa e siamo positivi sul settore dei beni discrezionali, dell’IT e dei settori industriali mentre, a livello geografico, vediamo bene Hong Kong, le Filippine e Taiwan” conclude.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.