Rendiconti: ecco le reti che li hanno inviati

La documentazione consente ai clienti di avere la massima trasparenza su tutti i costi. I primi a spedirle sono state le SIM specializzate in robo-advisory, seguite a partire da giugno dai network di CF
16/08/2019 | Massimo Morici

Lo scorso aprile i top manager delle principali reti di CF si erano detti pronti a inviare la rendicontazione riferita al 2018. Una promessa mantenuta, visto che quasi tutte le principali banche e reti hanno spedito nei mesi successivi l'informativa ex post. La documentazione, come prevede la direttiva MiFID II entrata in vigore il 3 gennaio 2018, consente ai clienti di avere la massima trasparenza su tutti i costi da loro sostenuti per affidare i propri risparmi a una banca o a una SIM, esplicitando nel dettaglio le varie voci, anche in valore assoluto e non solo in percentuale del patrimonio investito. 

I primi ad inviare i rendiconti alla clientela lo scorso aprile sono state due SIM specializzate in robo-advisory MoneyFarm ed Euclidea, seguita tra maggio e giugno da Credem. Poi è stata la volta di Banca Generali (a giugno) e, a partire da luglio, come anticipato in un servizio di Plus24 nelle scorse settimane, da tutte le altre realtà: Azimut, IWBank PI, Banca Mediolanum, Allianz Bank FA, BNL BNP Paribas Life Banker, CheBanca!, Consultinvest, Fideuram, FinecoBank e Banca Widiba.

A detta dei top manager intervistati da AdvisorOnline.it negli scorsi mesi, i ritardi nell'invio della documentazione ex post sono stati causati soprattutto dalla difficoltà riscontrata nella raccolta dati dalle case prodotto terze, di cui le reti distribuiscono i prodotti, anche se molti addetti ai lavori, in via confidenziale, non nascondevano una certa preoccupazione sulle possibili reazioni che avrebbero potuto avere i clienti di fronte a un'informativa con tutti i costi esplicitati anche in valore assoluto, soprattutto dopo un anno, come il 2018, chiuso con quasi tutte le asset class in profondo rosso.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.