Efama, nuovo documento per l'interazione distributore e gestore

Si chiama DDQ (Distributors’ Due Diligence Questionnaire) ed è stato elaborato per aiutare i gestori nella definizione delle procedure di due diligence. Alla stesura ha contribuito anche Assogestioni
30/06/2020 | Marcella Persola

Si chiama DDQ (Distributors’ Due Diligence Questionnaire) il nuovo documento elaborato da Efama, per aiutare i gestori nella definizione delle procedure di due diligence richieste nell’interazione con i canali di distribuzione. L’obiettivo del documento è di orientare il processo di stipulazione delle intese con i distributori (onbarding) e per il controllo continuo e periodico dei rapporti in essere (oversight), rimuovendo ostacoli e spese attraverso la semplificazione dei processi.

 

“L’industria dei fondi è chiamata ad affrontare notevoli sfide in termini di supervisione dei sistemi di interazione con gli intermediari, soprattutto alla luce dei requisiti introdotti da MiFID II, del mutamento del panorama normativo e dell’assenza di uno standard condiviso a livello europeo del rapporto tra gestori e canali di distribuzione”, evidenzia Efama in una nota di accompagnamento. L’associazione europea precisa inoltre che il questionario è utilizzabile su base volontaria e che “non copre i requisiti in merito al contrasto del riciclaggio di denaro o alla compliance a cui i distributori sono tenuti in termini di conoscenza del cliente (Know your customer - Kyc)”.

 

Il questionario, alla cui stesura ha contribuito Assogestioni, è articolato in una serie di sezioni che coprono sia aspetti di tassonomia (Business Model and Operations; Distribution, Suitability, and Marketing) sia aspetti tecnici (Oversight of Sub-Distribution; Legal and Regulatory Oversight; Risk Management and Controls). Sarà aggiornato su base annuale per riflettere eventuali cambiamenti nel mercato o nel quadro normativo. Assogestioni, inoltre è attualmente impegnata anche nella finalizzazione di un Questionario nazionale, costruito per raccogliere informazioni sull’incarico di distribuzione di Oicr in Italia.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.