Fideuram ISPB: risultati solidi ma utile netto in calo

Nei primi nove mesi del 2020 l'utile netto del gruppo scende del 5% a seguito di un aumento delle rettifiche di valore nette su crediti e delle imposte sul reddito, ma gli altri dati mostrano...
13/11/2020 | Marcella Persola

Cala in modo marginale l'utile netto di Fideuram - Intesa Sanpaolo Private Banking. Infatti nei primi nove mesi dell'anno l'utile netto consolidato è stato pari a 623 milioni di euro contro i 659 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente, principalmente a seguito di un aumento delle rettifiche di valore nette su crediti e delle imposte sul reddito. Nonostante il calo, però i risultati della società si presentano più solidi e forti rispetto a quelli dei competitor. 

Alla fine di settembre 2020 le masse amministrate dal Gruppo Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking erano pari a 243,8 miliardi, in aumento di 1,1 miliardi rispetto al 31 dicembre 2019 (242,7 miliardi), raggiungendo il livello più alto mai registrato. Secondo una nota del gruppo, il risultato è attribuibile all’eccellente performance commerciale, che ha visto le reti di private banker realizzare una raccolta netta pari a 8,2 miliardi. Tale effetto è stato in buona parte compensato dall’andamento dei mercati finanziari che, nell’arco dei nove mesi, hanno risentito significativamente dell’incertezza derivante dalla diffusione globale dell’epidemia Covid-19, incidendo in maniera sfavorevole sui patrimoni.

 

L’analisi per aggregati evidenzia, inoltre, che la componente di risparmio gestito è risultata pari a 164,5 miliardi, pari ad oltre 67% delle masse amministrate. Nei primi nove mesi del 2020 l’attività commerciale ha registrato € 8,2 miliardi di raccolta netta, in crescita dell’11% rispetto ai primi nove mesi del 2019 (7,3 miliardi) nonostante il marcato deterioramento del contesto di riferimento.

 

L’analisi per aggregati mostra che la raccolta di risparmio gestito, pari a oltre 2,5 miliardi, ha registrato un forte incremento (+158%) rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno in cui si era attestata al di sotto di  1 miliardo. La componente di risparmio amministrato, positiva per 5,6 miliardi, ha mostrato una flessione di circa  0,7 miliardi rispetto all’analogo periodo del 2019.

 

Al 30 settembre 2020 la struttura distributiva del Gruppo Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking si avvaleva di 5.785 private banker, con un portafoglio medio pro-capite pari a oltre € 42 milioni.

 

L’analisi dei principali aggregati del Conto Economico evidenzia che nei primi nove mesi dell’esercizio le commissioni nette sono risultate pari a € 1.260 milioni, sostanzialmente in linea (-1%) con il saldo di € 1.276 milioni registrato nei primi nove mesi del 2019. Le commissioni nette ricorrenti, componente predominante (circa 94%) del margine commissionale, sono risultate pari a € 1.185 milioni (€ 1.192 milioni nell’analogo periodo del 2019), in marginale contrazione per effetto di un product mix leggermente meno favorevole, quasi completamente compensato dalla crescita delle masse medie di risparmio gestito che, nonostante la forte correzione dei mercati avvenuta nel corso del primo trimestre dell’anno, sono risultate superiori a quelle del primi nove mesi del 2019.

“Abbiamo affrontato i primi nove mesi dell’anno in un contesto di emergenza sanitaria senza precedenti – ha dichiarato Tommaso Corcos, amministratore delegato e direttore generale di Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking –. L’incertezza socioeconomica che ne è derivata ha spinto le famiglie italiane a una più marcata propensione al risparmio. Per fare in modo che tale ricchezza venga opportunamente valorizzata nel tempo è indispensabile una pianificazione finanziaria supportata dai professionisti della consulenza, in grado di fornire risposte in linea con le esigenze personali di investimento e con il profilo di rischio del singolo risparmiatore. I risultati di questi primi nove mesi del 2020 confermano il valore del nostro lavoro: il totale delle masse amministrate ha superato i 243 miliardi di euro e la raccolta netta si è attestata a 8,2 miliardi di euro. Sono numeri straordinari che dimostrano, ancora una volta, come il nostro modello di servizio sia particolarmente valido e apprezzato dai clienti. Nonostante il periodo complesso, stiamo continuando un importante processo di rafforzamento e riposizionamento delle attività, in Italia e all’estero, per servire sempre meglio i nostri clienti. Siamo certi che l’acquisizione della partecipazione di maggioranza in REYL & Cie SA e l’arrivo dei colleghi di Ubi Private e di IWBank porteranno ancor maggiore valore alla nostra Divisione. Lo sforzo comune dei private banker delle nostre reti, dei manager e dei dipendenti di sede e delle società controllate contribuiranno a quello straordinario processo di crescita che, da sempre, caratterizza Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking”.

 

 Dal punto di vista patrimoniale la banca mostra tutta la sua solidità con i coefficienti patrimoniali  molto al di sopra dei livelli minimi richiesti dalla normativa. In particolare, al 30 settembre 2020 il Common Equity Tier 1 ratio consolidato si è attestato al 28,3%, in forte crescita rispetto al 19,2% di fine dicembre 2019 per effetto dell’aumento dei fondi propri conseguente alla decisione di destinare a riserva l’utile d’esercizio realizzato da Fideuram S.p.A. nel 2019.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.