Fideuram ISPB, l'utile sale del 54%

Dati in forte crescita nel primo semestre. Il totale delle masse raggiunge il livello record collocando Fideuram ISPB tra i principali player europei nel private banking per patrimonio totale amministrato
06/08/2021 | Redazione Advisor

Risultati in forte crescita nel primo semestre dell'anno per Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking (Gruppo Intesa Sanpaolo). Il Cda presieduto da Paolo Molesini ha approvato la relazione Semestrale al 30 giugno 2021 che evidenzia una crescita dell'utile netto del 54% a 646 milioni, evidenziando una forte crescita (+€ 227 milioni) rispetto ai primi sei mesi del 2020. Tale incremento include, per €164 milioni, la plusvalenza netta realizzata con la cessione del Ramo Banca depositaria e Fund Administration di Fideuram Bank (Luxembourg). Al netto di tale componente non ricorrente l’utile netto si sarebbe attestato a € 482 milioni, in crescita del 15% rispetto all’analogo periodo dello scorso anno, risultando comunque il miglior risultato semestrale di sempre.

Il margine di interesse, pari a € 106 milioni, ha evidenziato una flessione di € 23 milioni rispetto al primo semestre dello scorso anno per effetto della minore redditività degli impieghi, derivante del calo dei rendimenti di mercato. Mentre il risultato della gestione operativa si è attestato a € 800 milioni (+13%), mostrando un solido miglioramento rispetto al primo semestre del 2020.

 

Alla fine di giugno 2021 le masse amministrate dal Gruppo Fideuram- Intesa Sanpaolo Private Banking risultavano pari a € 326,9 miliardiin aumento di € 23,5 miliardi (+8%) rispetto al 31 dicembre 2020, raggiungendo il livello più elevato registrato nella storia del Gruppo.

L’analisi per aggregati evidenzia come la componente di risparmio gestito sia risultata pari a € 211 miliardi (€ 196,9 miliardi a fine 2020, +7%), pari al 65% delle masse amministrate.

Nei primi sei mesi del 2021 l’attività delle reti distributive ha registrato un’eccellente performance commerciale realizzando una raccolta netta di oltre € 8,5 miliardiin crescita del 36% rispetto all’analogo semestre del 2020. L’analisi delle componenti mostra come la raccolta netta di risparmio gestito, pari a € 5,7 miliardi, sia risultata in forte crescita (+€3,9 miliardi) rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno (€ 1,8 miliardi) anche grazie all’attività dei private banker del Gruppo che hanno orientato i flussi di risparmio della clientela verso prodotti a più elevato contenuto consulenziale. La raccolta netta di risparmio amministrato è risultata pari a € 2,8 miliardi (€ 4,5 miliardi nel primo semestre 2020).

Al 30 giugno 2021 la struttura distributiva del Gruppo Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking si avvaleva di 6.630 private banker, con un portafoglio medio pro-capite pari a oltre € 49 milioni.

 

coefficienti patrimoniali consolidati di Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking si posizionano molto al di sopra dei livelli minimi richiesti dalla normativa. In particolare, al 30 giugno 2021 il Common Equity Tier 1 ratio è risultato pari a 16,9% e il Total Capital ratio pari a 17,1%.

 

“I risultati del primo semestre 2021, commenta Tommaso Corcos (nella foto), amministratore delegato e direttore generale di Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking, ci collocano tra i principali player europei del private banking per patrimonio totale amministrato e per risultati di gestione, con un nuovo massimo storico raggiunto in un contesto complesso, grazie alla forza delle nostre reti e all’impegno di tutte le nostre persone.

Il grande lavoro svolto dalla Divisione Private Banking ci rende orgogliosi per l’eccellente performance commerciale, per il lavoro di squadra e per la capacità dei nostri Private Banker di affiancare con costanza i clienti, sostenendoli nelle scelte d’investimento, attraverso prodotti e servizi a più elevato contenuto consulenziale.

La solidità patrimoniale, che si conferma ampiamente al di sopra dei requisiti normativi richiesti, la rinnovata presenza internazionale, con l’acquisizione di Reyl, e il completamento dell’integrazione di UBI Top Private e IW Bank sono elementi che rafforzano ulteriormente il nostro posizionamento nel mercato private.

Fra i nostri obiettivi strategici occupano sempre maggior spazio la condivisione di valori, la formazione delle risorse e l’attenzione alla sostenibilità, tutti elementi in grado di consolidare il nostro modello di servizio vicino alle esigenze di una clientela sempre più sensibile alle ricadute sociali del nostro business.”

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.