Due big del settore e una nuova piattaforma per Deutsche Bank FA

"La crescita dei ricavi del 15%? Un risultato che nessuna struttura può dichiarare". "Il futuro della consulenza? Passa da una nuova idea di lungo periodo". "Il passaggio generazionale delle reti? Si risolve con i team e la formazione". Un Silvio Ruggiu senza freni annuncia importanti novità ad AdvisorOnline.it
31/10/2019 | Francesco D'Arco

dbfaTeam, dbFA Training Lab, nuove funzionalità per la piattaforma di Consulenza Evoluta. Sono queste alcune delle novità presentate da Silvio Ruggiu alla rete Deutsche Bank Financial Advisors in occasione della Convention di due giorni svoltasi a Milano il 30 e 31 ottobre 2019. Sfide ambiziose per un progetto ambizioso che, come afferma lo stesso Ruggiu in questa intervista rilasciata ad Advisoronline.it, a margine dell’evento, si inseriscono perfettamente in quel piano di sviluppo annunciato esattamente un anno fa, sempre a Milano in occasione delle prima convention della rete con il nuovo brand. 

 

In quella occasione l’head of Advisory Clients di Deutsche Bank in Italia dichiarò che l’obiettivo era quello di aggredire il mercato con “un vero modello di corporate advisory, capace di creare delle reali sinergie tra i servizi di private e corporate banking offerti dal gruppo”, cercando di “portare in tre anni le masse dai 14,5 miliardi attuali a quota 20 miliardi, facendo crescere nello stesso periodo il portafoglio medio dei nostri consulenti finanziari oltre i 20 milioni di euro”.

 

A che punto siamo del cammino? E in che modo i nuovi progetti si inseriscono nello sviluppo del modello di corporate advisory? “L’anno scorso abbiamo avviato un progetto molto coraggioso: il coraggio di scardinare una serie di meccanismi consolidati all’interno di questo settore. Noi lo abbiamo fatto. Abbiamo puntato ad un modello differente, realmente alternativo puntando sui professionisti migliori e investendo molto sulla squadra e su un progetto di integrazione unico” chiosa subito Ruggiu che mette in evidenza i “numeri”, la cartina di tornasole di ogni progetto.  

 

“Nell’ultimo anno abbiamo erogato otlre 10mila ore di formazione concentrando molta di questa attività sulle competenze utili al supporto degli imprenditori e abbiamo già portato le masse a quota 15 miliardi” continua il manager che sottolinea l’importanza di saper individuare le problematiche legate alla gestione di un’azienda e, di conseguenza, saper intervenire “chiedendo il giusto supporto”. 

 

Risultato? “Abbiamo erogato 260mln di euro di linee di credito ad aziende introdotte da consulenti finanziari nell’ultimo anno, grazie a un focus sul cliente-imprenditore e a una crescente collaborazione con i gestori azienda del gruppo. Un risultato enorme” afferma fieramente Ruggiu che mette in evidenza, con altrettanto entusiamo, anche un altro numero: “una crescita del 15% dei ricavi anno su anno, un risultato in perfetta linea con il piano strategico e che nessun’altra struttura può presentare”, dichiara l’head of Advisory Clients di Deutsche Bank in Italia. 

 

E come siete riusciti ad ottenere un tale risultato? “Non dimenticando mai il nostro punto di partenza, dichiarato anche l’anno scorso: mantere un continuo contatto con i consulenti finanziari ai quali chiediamo costantemente feedback e indicazioni per costruire i nostri progetti di sviluppo” risponde Ruggiu. “Il nostro modello di business è  fondato sulle persone che restano centrali. Ed è con questo spirito che nascono i progetti dbfaTeam e dbfaTrainingLab: entrambi finalizzati a mettere in condizione tutti i nostri professionisti ad offrire un servizio di consulenza finanziaria veramente di lungo periodo” continua il manager che scardina anche il concetto di lungo periodo portandolo ben oltre i soliti confini.

 

“Oggi gestire un cliente facoltoso vuol dire gestire le sue esigenze, quelle dei suoi figli e spesso anche quelle dei nipoti. Oltre che le esigenze legate allo sviluppo dell’eventuale azienda di famiglia. È evidente che i consulenti finanziari devono poter contare su competenze e professionalità diverse tra loro per questo non è pensabile né concentrare tutte queste competenze su un singolo professionista (da qui l’idea del progetto dbfaTeam, ndr), né pensare che le competenze che finora hanno caratterizzato questo settore siano sufficienti (da qui il progetto dbfa Training Lab, ndr)”, spiega Ruggiu che chiude annunciando ad AdvisorOnline due novità.

 

La prima “il rinnovato impegno dal punto di vista tencologico che ci porterà nel 2020 a trasformare e arricchire ulteriormente la piattaforma di consulenza evoluta messa a disposizione dei nostri consulenti per gestire le diverse esigenze della clientela”.

 

La seconda riguarda, invece, la crescita della rete che sul fronte reclutamento si prepara ad annunciare “l’ingresso di due professionisti di grande esperienza” che entreranno nella squadra di Roma (entrambi provenienti da una delle reti big dell’industria, ndr) a conferma “della validità e unicità del nostro progetto” conclude fieramente Ruggiu.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.