Banca Generali, nuove soluzioni a tutela del patrimonio

Marco Bernardi, Vice Direttore Generale racconta i progetti del gruppo e in particolare cosa ruota attorno al lancio di BG Progetti di Vita
07/01/2021 | Marcella Persola

Marco Bernardi, Vice Direttore Generale di Banca Generali racconta quali sono i progetti del gruppo intorno alla tema sempre più emergente della protezione e della pianificazione finanziaria.

 

Sta emergendo anche nella vostra clientela l’esigenza di coprirsi e proteggersi dai nuovi ed emergenti rischi legati alla propria persona, capitale, impresa?

Sicuramente in questo 2020 stiamo registrando una forte bisogno di protezione da parte della clientela che, sulla scia della particolare situazione sanitaria ed economica che sta vivendo, ci sta chiedendo con forza soluzioni che accentuino fortemente il livello di protezione dei patrimoni finanziari e non. Si tratta però di un tipo di richieste che per noi di Banca Generali è piuttosto naturale, dal momento che ci rivolgiamo prettamente ad una clientela private che mette la protezione del capitale al centro della propria strategia di pianificazione patrimoniale. Per questo sono ancora più convinto che in futuro i consulenti saranno sempre più centrali nella vita delle famiglie italiane.

 

Come vi siete organizzati per rispondere a queste esigenze?

Abbiamo lavorato molto con la nostra rete per guidarli nella rimodulazione dell’asset mix dei clienti in modo da liberarsi per tempo delle posizioni più rischiose, concentrandosi su soluzioni più in linea con le rinnovate esigenze. Ci siamo quindi concentrati sull’innovazione di prodotto per mettere a disposizione dei banker ancora più strumenti per la pianificazione patrimoniale della clientela. In questo 2020 abbiamo riaperto una finestra sulla nostra storica ramo I, abbiamo dato vita a nuovi pac che consentono un ingresso progressivo sui mercati così da mitigare i rischi e abbiamo dato vita a una nuova soluzione che lega gli investimenti agli obiettivi di vita del cliente mixando la componente assicurativa con i fondi della nostra Lux Im a cui abbiamo aggiunto una serie di tutele opzionali per il cliente. Ci siamo quindi spinti un passo oltre sul fronte delle coperture finanziarie, sviluppando portafogli modello flessibili in consulenza ovvero investimenti in fondi o ETF che in funzione delle aspettative sul mercato usano prodotti short. Infine, abbiamo lavorato molto sul mondo degli alternativi e degli illiquidi così da offrire ai nostri clienti ulteriori strumenti per elevare il livello di decorrelazione e diversificazione dei loro investimenti. Si tratta di una serie di iniziative che sono state molto apprezzate, come dimostra l’andamento molto positivo della nostra raccolta che, in soli 10 mesi, ha raggiunto il dato dell’intero 2019.

 

Sarà a suo avviso un tema centrale anche nel futuro? 

La protezione del patrimonio sarà sempre più centrale nelle scelte di investimento delle famiglie anche una volta che la crisi pandemica sarà finalmente archiviata. Se guardiamo allo scenario macroeconomico, infatti, ci accorgiamo di come siano cambiati i paradigmi anche da parte delle banche centrali: avremo sempre più liquidità e prezzi non sempre in linea con i valori reali. Per questo assisteremo a nuovi rischi che non potranno essere ignorati. I risparmiatori lo hanno capito e ora sanno quanto possa essere facile mettere in discussione ciò che si è costruito in una vita intera e vorranno pertanto tutelarlo il più possibile. Si tratta di un trend che si rifletterà anche sul mondo delle reti: continueranno a crescere solo quelle che sapranno offrire più protezione e qualità nella consulenza.

 

E per il futuro cosa state riservando per la vostra clientela?

Come detto, l’elemento di protezione è storicamente centrale nella nostra offerta di consulenza alla clientela. Nelle prossime settimane apriremo alla nostra clientela BG Progetti di Vita, una soluzione multiramo che lega la finalizzazione del piano ad uno o più avvenimenti della vita del cliente come ad esempio il matrimonio, l’acquisto della prima casa o la nascita di un figlio. Attraverso il dialogo con i clienti, stiamo quindi raccogliendo le nuove esigenze e sviluppando soluzioni pensate per tutelare non solo l’aspetto finanziario del patrimonio, ma anche quello non finanziario. Penso ad esempio al mondo degli immobili che rappresentano la fetta più grande degli investimenti degli italiani ma che oggi devono fare i conti con un mercato che ha valori differenti da quelli di qualche anno fa. C’è poi la grande sfida del sostegno all’impresa, così duramente provata dalla crisi da Covid. Tutti questi elementi li stiamo integrando all’interno della nostra piattaforma di consulenza evoluta – BG Personal Advisory - che sarà sempre più l’hub sul quale si svilupperà l’analisi della componente rischio nei patrimoni dei nostri clienti.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.