Fideuram: percorsi di formazione ad hoc sul tema

Per affrontare il tema della protezione servono competenze e Fideuram ha già iniziato per i consulenti...
07/01/2021 | Marcella Persola

Stefano Gallizioli, responsabile Sviluppo Rete e Recruiting di Fideuram ISPB racconta i progetti di Fideuram sul tema della protezione, un bisogno sempre più crescente per la clientela e sempre più importante per la consulenza finanziaria. 

 

Sta emergendo anche nella vostra clientela l’esigenza di coprirsi e proteggersi dai nuovi ed emergenti rischi legati alla propria persona, capitale, impresa? 

Abbiamo iniziato a rilevare l’accrescersi di questo bisogno già da diverso tempo, ancor prima della pandemia, anche se indubbiamente la crisi sanitaria che stiamo vivendo ha ulteriormente accentuato il fenomeno. Nell’ambito dei nostri servizi di consulenza, in cui i bisogni dei clienti sono il punto di partenza, siamo già da tempo pronti a rilevare e trovare assieme delle soluzioni a questo accresciuto bisogno di protezione, nelle sue varie sfaccettature.

 

In che modo vi state organizzando per rispondere a queste esigenze emergenti ? 

Da un lato assicuriamo ai nostri consulenti finanziari le necessarie competenze e conoscenze per affiancare i propri clienti nell’ascolto dei loro bisogni, attraverso percorsi di formazione altamente qualificanti, tra cui, ad esempio, la certificazione di consulente patrimoniale con l’Università Cattolica; dall’altro, abbiamo un piano di aggiornamento continuo della gamma prodotti, con particolare attenzione in ambito assicurativo, con un rafforzamento della nostra offerta assicurativa e sviluppo di iniziative che si concentrino sul metodo di investimento.

 

In prospettiva a vostro avviso che ruolo rivestirà la protezione nel prossimo futuro? proteggersi? 

Come accennavo sopra, la maggiore richiesta di protezione da parte dei clienti è un fenomeno che abbiamo rilevato già prima dell’inizio della pandemia e a cui i nostri consulenti finanziari rispondono da tempo. Per quanto sia accentuato dall’attuale situazione sanitaria, non credo sia un fenomeno passeggero e mi aspetto che continui ad avere un ruolo importante tra i bisogni dei clienti. Quello che farà la differenza, nel futuro come già oggi, sarà la vicinanza al cliente, l’esserci al suo fianco quando conta. I nostri consulenti finanziari sono con costanza al fianco del loro clienti e svolgono un’ importante attività di informazione e di gestione anche dell’emotività che nel tempo assume  valore di vera e propria educazione finanziaria. Il  nostro è principalmente un business relazionale, basato sulle persone e sui rapporti, quindi la priorità è quella di conoscere le persone, ascoltarle e capire le peculiarità e le opportunità del business.

 

Che progetti avete in tale ambito? Pensate di svilupparne o hanno subito un’accelerazione quelli in essere? 

Abbiamo già incluso ampiamente questo tema nei percorsi di formazione, nella valorizzazione della protezione come elemento della consulenza e nel rafforzamento dei prodotti assicurativi, e ne beneficiamo già oggi, momento in cui la richiesta è così  considerevole. Vogliamo continuare su questa, adattando il nostro percorso laddove necessario alle mutate esigenze.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.