Provenza (Banca Widiba): puntiamo al private con tecnologia e proposte ad hoc

Il chief commercial officer investment & wealth management racconta i progetti del nuovo anno che vedono una crescita nel segmento di clientela di fascia alta e un potenziamento di…
08/01/2021 | Marcella Persola

Potenziare l’eco-sistema di servizi della Banca per diventare sempre di più un hub di servizi finanziari. E’ questo l’obiettivo di Banca Widiba per il 2021. “Lo sviluppo seguirà quattro direttrici” racconta Luigi Provenza chief commercial officer investment & wealth management di Banca Widiba “un potenziamento della piattaforma a disposizione dei nostri consulenti finanziari, un rafforzamento della pianificazione finanziaria che includa anche delle analisi non finanziarie in risposta all’esigenza di prestare sempre di più una consulenza patrimoniale. Incremento della consulenza sul fronte previdenziale e quella orientata ai fattori ESG, che è un tema di grande interesse della clientela private che è un segmento di mercato che vorremmo maggiormente presidiare e nel quale contiamo di fare la differenza, grazie al quarto driver che riguarda la personalizzazione di prodotti e servizi per tale clientela” continua Provenza che sottolinea come tale mercato sia molto competitivo e nel quale quindi la differenza non è data dal prodotto offerto ma da tutta una serie di fattori che rendono distintivi.

 

“Il prodotto in tale ambito è una commodity, per questo è necessario lavorare su ciò che rende differenti. Si tratta di una clientela sofisticata, dalle esigenze particolari alle quali noi vogliamo rispondere con prodotti ad hoc. E abbiamo l’esperienza e la tecnologia per farlo. Già lo scorso anno abbiamo creato dei FIA per alcune famiglie che si sono rivolte a noi scegliendo il nostro modello” precisa Provenza. E visto che in tale fascia di clientela vi sono anche molti clienti imprenditori, la Banca dedicherà anche un’offerta al ramo small business. “Continueremo anche sulla proposizione di prodotti passivi, come abbiamo fatto nel passato, visto che siamo stati tra i primi a proporre una gestione patrimoniale in ETF. Abbiamo concluso un accordo con Vanguard per l’attività dei passivi e andremo a inserire tali strumenti all’interno delle nostre unit linked e della consulenza a parcella” prosegue il chief commercial officer investment & wealth management di Banca Widiba.

 

  “Vogliamo restituire valore alla consulenza e siamo convinti di poterlo fare perché i risultati raggiunti nel 2020 sono stati per noi confortanti e importanti. Nei primi sei mesi abbiamo conseguiti risultati che rappresentano la somma degli ultimi due anni. Questa spinta sul digitale che ha caratterizzato il 2020 ci ha permesso di esprimere tutto il nostro potenziale e di restituire valore ai nostri clienti, nonostante la relazione a distanza. I nostri clienti non hanno dovuto subire le difficoltà legate all’adattamento dei processi, perché i nostri servizi erano e sono al 100% digitali. Questo ha premiato il nostro Gruppo e i nostri consulenti finanziari che hanno potuto fin da subito lavorare, visto che già lo facevano da tempo, in web collaboration e continuare ad offrire tutti i servizi disponibili ai propri clienti” conclude Provenza.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.