IWBank rimane autonoma. UBI Top Private no

Come anticipato più volte la rete IW Bank avrà una sua autonomia societaria. Mentre per il personale e la clientela del ramo private del gruppo UBI si profila un futuro sotto il cappello di Intesa Sanpaolo Private Banking.
10/02/2021 | Francesco D'Arco

Continua il processo di integrazione di UBI Banca in Intesa Sanpaolo. E diventa sempre più chiaro il perimetro d’azione di IWBank. Secondo quanto emerso dalle ultime comunicazioni del gruppo guidato da Carlo Messina IWBank entrerà a far parte della Divisione Private Banking di Intesa Sanpaolo, con autonomia societaria e commerciale, accanto alle altre reti già presenti in Italia: Fideuram, Sanpaolo Invest e Intesa Sanpaolo Private Banking.

 

Non solo. Intesa Sanpaolo Private Banking crescerà ulteriormente con l’arrivo del  personale e della clientela di UBI Top Private, divisione della rete bancaria UBI dedicata alla fascia di clientela private e HNWI.

 

Da un punto di vista societario, IW Bank sarà trasferita sotto il controllo di Fideuram - Intesa Sanpaolo Private Banking S.p.A, la quale agisce come sub-holding all’interno della Divisione Private Banking. Il Patrimonio Netto di IW Bank era pari a 115 milioni di euro a settembre 2020. Il Ramo UBI Top Private, scisso da UBI Banca, verrà invece integrato in Intesa Sanpaolo Private Banking S.p.A. con un valore netto patrimoniale di 21 milioni di euro

 

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.