Copernico SIM: il valore della sostenibilità

La SIM ha studiato dei percorsi ad hoc sia per i consulenti finanziari, ma anche per i professionisti bancari, in modo che non sia solo il numero a rappresentarli
11/02/2021 | Redazione Advisor

Indipendenza, serietà, qualità della vita, agilità. Sono questi i valori nel DNA di Copernico SIM e dei consulenti finanziari che ne fanno parte. E il 2020, anno che seppure sia stato molto travagliato, ha rappresentato per la SIM di Udine un anno di conferma sia dal punto di vista dei risultati, sia dal punto di vista della strategia. Una conferma che la SIM ha saputo guardare nella giusta direzione. “proprio per il fatto di essere una struttura agile abbiamo saputo reagire prontamente alle sfide del mercato e alle richieste dei consulenti” racconta Marco Iacobone, responsabile sviluppo della rete. “Il nostro disegno è chiaro: vogliamo continuare a crescere, attraverso il costante miglioramento dei servizi, delle condizioni, della serenità di chi lavora con noi e quindi dei clienti”.

Per Iacobone, provocatoriamente il Covid 19 è riuscito laddove la MIFID II non era ancora arrivata, ossia a far collimare ed allineare, almeno dal punto di vista del rapporto gestionale gli obiettivi di consulenti, mandante e clienti. Ma l’anno che ci siamo lasciati alle spalle può rappresentare anche uno spartiacque, perché ha riposto al centro la qualità della vita, uno dei target che Copernico SIM si pone da sempre. “Ci rivolgiamo a quei professionisti che hanno voglia di lavorare con maggiore soddisfazione, servizi e piattaforme, guadagnare bene, la nostra è un realtà incentrata sul consulente, parliamo tutti lo stesso linguaggio” continua Iacobone. “Condividiamo le esigenze, essere sereni e leali col clienti, siamo avulsi da meccaniche che minaccino l’indipendenza dei consulenti e l’interesse dei clienti”.

 

In Copernico SIM trovano quindi spazio sia consulenti finanziari, ma anche professionisti bancari desiderosi di svolgere la propria attività in modalità differente. “Per quest’ultimi abbiamo da più di un anno ipotizzato un percorso ad hoc, che eviti il doppio salto, in quanto possiamo prevedere dei contratti di assunzione diretta. In questo modo veniamo incontro alle esigenze di chi vorrebbe svolgere un’attività in autonomia senza il rischio dell’ignoto che a volte paralizza e spaventa” prosegue il responsabile dello sviluppo. E questo è possibile perché nella struttura ciò che è importante non è l’aspetto numerico della crescita, ma che chi arrivi nella SIM ne sposi il progetto e viva serenamente la sua attività mettendo al centro gli interessi del cliente che sono poi gli interessi del consulente. “In Copernico non abbiamo necessità stringenti di aumentare il portafoglio, questo è un aspetto non banale, perché attraverso un ambiente sano e improntato al rispetto, coinvolgente, credibile da ogni punto di vista -interno e esterno- possiamo veramente dialogare con il singolo e aiutarlo nel suo processo di crescita sia del breve, che nel lungo termine” sottolinea Iacobone. Per ogni consulente finanziario, infatti, è strutturato un percorso che non prevede item di ingresso, ma che è studiato in modo paritetico tra l’azienda e il candidato.

 

Questo rende la società “sostenibile” sotto diversi punti di vista. “La forza della nostra azienda è rappresentata dal crescere in modo costante e sostenibile, non c’è nessun stravolgimento per raggiungere i risultati. E questa è una costante, che non è mutata nel tempo nonostante, la quotazione, il cambio di management. “Siamo rimasti fedeli alle nostre origini, improntate su un progetto sostenibile e di qualità” chiosa Iacobone, e questi elementi hanno fatto, secondo Iacobone, di Copernico SIM, un centro di eccellenza. “La nostra rete può contare su un ufficio studi molto attivo e un back-office sempre disponibile. Non siamo portati a concludere innumerevoli accordi con case di gestione, e a disperdere la nostra offerta, noi monitoriamo costantemente gli strumenti del mercato per mettere a disposizione della nostra rete la migliore offerta possibile. Ascoltiamo molto le esigenze dei singoli, questo perché siamo una struttura corta, dove il dialogo con l’uomo è costante e dove i consulenti si sono portati a chiedere perché sanno che possono avere risposte rapide. Questo crea maggiore partecipazione e coinvolgimento” prosegue Iacobone. Anche questo rappresenta un tratto distintivo del gruppo.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.