Widiba in campo per l’educazione finanziaria

La Banca aderisce alla FEduF, fondazione creata da ABI, per contribuire alla diffusione dell’educazione finanziaria in modo capillare sul territorio
21/04/2021 | Redazione Advisor

Banca Widiba aderisce alla FEduF, Fondazione per l’Educazione finanziaria e al Risparmio, creata dall’Associazione Bancaria Italiana con lo scopo di diffondere l’educazione finanziaria in un’ottica di cittadinanza consapevole e di legalità economica.

 

“L’adesione alla Fondazione – afferma Marco Marazia (nella foto), direttore generale di Banca Widiba – rappresenta un ulteriore passo di Banca Widiba verso la diffusione della cultura finanziaria su tutto il territorio, già intrapreso attraverso le attività dei nostri consulenti finanziari e non solo. Riteniamo importante e strategico favorire azioni di sistema che supportino privati, giovani e famiglie del nostro Paese nella gestione consapevole dei loro risparmi e la partnership con FEduF è coerente con questo percorso.”

 

Spesso le tematiche finanziarie sono comunicate in modo complesso e, oggi, è sempre più necessario affrontare in modo lucido e consapevole le scelte relative alle risorse economiche individuali, sia in termini di gestione del quotidiano sia nella prospettiva del risparmio e della protezione finanziaria, anche in considerazione degli effetti della pandemia sulla situazione patrimoniale delle famiglie.

 

“I dati delle ricerche nazionali e internazionali rivelano quanto sia urgente un’azione di sistema per la crescita dell’educazione finanziaria degli italiani – commenta Giovanna Boggio Robutti, direttore generale della FEduF – non possiamo quindi che accogliere con estremo piacere il contributo alla diffusione della consapevolezza economica di Banca Widiba, punto di riferimento sul mercato per l’innovazione e per la capacità di ascoltare e interpretare le esigenze di ogni singola persona”.

 

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.