Partner ESG

NN IP: tre fattori che faranno crescere i green bond

Per la casa di gestione l’aumento di interesse nei confronti delle obbligazioni verdi è riconducibile a tre elementi: desiderio, diversificazione, consapevolezza
14/07/2021 | Redazione Advisor

Il mercato globale dei green bond dovrebbe superare i 2 trilioni di euro entro la fine del 2023. Queste le aspettative di NN Investment Partners (NN IP) che visto l’outlook positivo registrato finora dall’emissioni di green bond ha alzato la sua stima per l'emissione di tutto l'anno 2021 a 400 miliardi di euro.

 

Intanto l'elevata domanda degli investitori per le strategie green bond ha portato a un aumento degli afflussi. E alla luce dello slancio registrato dal comparto, NN IP ha identificato tre fattori alla base del crescente interesse per le obbligazioni verdi tra gli investitori istituzionali:

 

  1. Il processo decisionale degli investitori è sempre più guidato dal desiderio di affrontare il cambiamento climatico.
  2. La crescita del mercato, sia nello spazio corporate sia in quello sovrano, sta facilitando la diversificazione settoriale. Sempre più aziende industriali, di comunicazione e tecnologiche si rivolgono al mercato dei green bond per finanziare progetti verdi, in un segmento che tradizionalmente era di dominio dei settori finanziari e dei servizi pubblici.
  3. Gli investitori stanno diventando più consapevoli dei benefici sulle performance delle obbligazioni verdi rispetto a quelle non verdi e delle opportunità di utilizzarle per sostituire almeno una parte della loro allocazione di credito non green. Questa tendenza si somma alla crescente convinzione che ogni investitore a reddito fisso può finanziare un cambiamento positivo generando al contempo una solida performance finanziaria.

 

Intanto a cinque anni dal lancio del suo primo fondo green bond, NN IP ha celebrato il raggiungimento di 4 miliardi di euro di asset in gestione (AuM) nelle sue strategie obbligazionarie verdi dedicate. Questo importante traguardo ha rafforzato la convinzione di NN IP che i green bond rappresentano una proposta interessante per gli investitori che cercano un impatto ambientale positivo nel reddito fisso. In meno di un decennio, da segmento di mercato ad impatto di nicchia i green bond sono diventati uno dei segmenti più dinamici e dominanti del mercato.

 

“Sono orgoglioso di osservare il continuo e crescente interesse per le nostre strategie green bond. Sin dal 2014, da quando siamo diventati attivi nel mercato delle obbligazioni verdi, abbiamo creduto che l'allocazione in green bond permetta agli investitori di avere un impatto ambientale senza sacrificare liquidità e rendimenti” ha commentato Bram Bos, Lead Portfolio Manager Green Bonds di NN Investment Partners “Nel corso degli anni abbiamo sviluppato e messo a punto il nostro approccio man mano che il mercato è cresciuto ed è diventato più sofisticato, ma questa nostra convinzione di base è rimasta invariata. Se già allora era possibile per gli investitori del reddito fisso sostituire parte della loro esposizione al credito con obbligazioni verdi, oggi il mercato dà loro molte più opportunità rispetto a uno o due anni fa".

 

Ma tale mercato continua a diversificarsi ulteriormente, visto che oggi oltre i green bond, si può differenziare anche con i transition bonds, i sustainability-linked bonds e i social bonds. Questo fornisce agli investitori nuove opportunità di investimento e ai gestori delle nuove sfide.

 

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.