avatar

07/06/2017

Biolzi (Cassa Lombarda): “C’è grande incertezza sul discorso di Draghi”

di Redazione AdvisorPrivate

Highlights
  • Domani la Banca Centrale Europea potrebbe modificare il proprio linguaggio, tenendo conto del miglioramento del quadro macro
La News

Banche centrali e rischio politico restano i protagonisti indiscussi sui mercati. L’attenzione degli investitori è divisa tra la riunione del Consiglio Direttivo della Banca Centrale Europea e il voto anticipato in Uk, entrambi in calendario domani. Il mercato si attende una modifica nel linguaggio di Mario Draghi, che tenga conto del migliorato quadro economico. “I toni potrebbero esser più “bilanciati” sul fronte dei rischi per l’economia, con probabile revisione al rialzo delle stime. Tuttavia, le ridotte pressioni inflazionistiche dovrebbero mantenere il board “paziente”, anche se il governatore della Bundesbank, Jens Weidmann, ha dichiarato che la Bce potrebbe iniziare a dibattere su come modificare la propria “guidance” di politica monetaria. Al contrario – ricorda Alberto Biolzi, responsabile direzione Wealth Management di Cassa Lombarda (nella foto) - Draghi ha cercato di minimizzare le aspettative di significativi cambi di direzione da parte della Bce, anche alla luce del rallentamento dell’inflazione “core”. scesa a 0,9% da 1,2%”.

 

L’appuntamento con la Fed è per la prossima settimana, il 14 giugno. Il mercato attribuisce una probabilità del 90% all’ipotesi che Janet Yellen annunci un altro rialzo dei tassi di 25 bps, nonostante i recenti dati macro incerti. Nell seconda parte dell’anno, però, il nodo cruciale sarà l’inizio del dibattito sulla riduzione del bilancio della Fed, gonfiato a dismisura fino a 4,5 mila miliardi di dollari (cinque volte i livelli del 2007), dopo tre round di easing quantitativo. È questo il tema destinato a entrare presto nel radar degli investitori, secondo molti analisti.

 

Intanto, domani si terranno le elezioni nel Regno Unito, in un clima di crescente incertezza a seguito dei recenti attacchi terroristici. “I Conservatori della Premier Theresa May potrebbero non riuscire a ottenere una solida maggioranza in Parlamento e questo scenario presumibilmente si tradurrebbe in una debolezza della sterlina. I mercati – conclude Biolzi - resteranno legati all’andamento del newsflow macro e geopolitico”.

Ti interessa questo argomento? Leggi anche:

PENSATI PER TE:

ISCRIVITI

Iscriviti qui alle newsletter, inserendo il tuo indirizzo e-mail: