avatar

16/06/2017

Post Fed, nell'equity puntare su sanità e real estate

di Redazione Advisor Private

Highlights
  • Le attese per un irripidimento della curva dei rendimenti negli Usa mettono sotto pressione i settori difensivi, mentre i finanziari saranno avvantaggiati
La News

Una curva di rendimento più ripida aiuterà i finanziari, ma per ora è meglio concentrarsi su sanità e real estate. Questo il commento di Gérald Moser, Head of Equity Strategy di Credit Suisse, in seguito alle recente decisione della Federal Reserve di alzare i tassi di un quarto di punto, portandoli nella fascia tra l’1 e l’1,25%.

“Recentemente, i settori difensivi hanno beneficiato del calo dell'inflazione e dei bassi rendimenti - spiega Moser – E anche se questo potrebbe proseguire nel breve periodo, ci aspettiamo ancora un irripidimento della curva dei rendimenti negli Stati Uniti. In questo scenario, i settori difensivi sarebbero probabilmente sotto pressione - un risultato che esprimiamo con le nostre caute aspettative sulle scorte dei consumatori - e probabilmente i finanziari saranno i principali beneficiari di una curva di rendimento più ripida”.

Un aumento dei rendimenti a lungo termine aiuterebbe infatti la redditività dei finanziari, sia per le banche sia per le assicurazioni. “Tuttavia, considerando il rischio di questo scenario a breve termine – prosegue l'esperto - rimaniamo neutrali sui finanziari, preferendo concentrarci sui settori che offrono sia esposizione ai rendimenti che crescita, come la sanità e il real estate”.

In ogni caso, per azioni più ampie, finché l'immagine di crescita rimane sana, i rendimenti più elevati non dovrebbero essere un problema importante a questi livelli. Tuttavia, una combinazione di rendimenti più elevati e un rallentamento della dinamica di crescita potrebbero innescare preoccupazioni per l'equity, in quanto contrassegnerebbero la fine della messa a punto perfetta del binomio bassi rendimenti/forte crescita che ha alimentato il rally dei titoli azionari nell'ultimo anno.

Ti interessa questo argomento? Leggi anche:

PENSATI PER TE:

ISCRIVITI

Iscriviti qui alle newsletter, inserendo il tuo indirizzo e-mail: