UniCredit lancia 41 Bonus Cap Quanto Certificate

I nuovi certificate su azioni americane hanno bonus a scadenza dal 104% fino al 162% e barriere tra il 60% e il 70% del valore iniziale
09/06/2020 | Lorenza Roma

UniCredit Bank AG ha emesso sul mercato una nuova serie di 41 Bonus Cap Quanto Certificate che si aggiungono agli oltre 150 certificate di investimento emessi da UniCredit e quotati sui mercati regolamentati di Borsa Italiana (SeDeX e EuroTLX). I nuovi certificate hanno scadenze di 6, 12 o 18 mesi dal momento dell’emissione, sono caratterizzati da barriere osservate in continuo fino al 60% del valore iniziale del sottostante e bonus fino al 162% del valore nominale.

 

I Bonus Cap Quanto Certificate prevedono un bonus a scadenza se il sottostante, nel corso dell'intera vita del certificate, mantiene sempre un valore superiore al livello di barriera, posta per questa emissione tra il 60% ed il 70% del valore Iniziale. Nel caso in cui il sottostante nel corso dell'intera vita del certificate, ovvero a partire dalla data di osservazione iniziale fino alla data di osservazione finale, mantiene sempre un valore superiore al livello barriera, a scadenza lo strumento rimborsa il prezzo di emissione più un importo pari al bonus. Viceversa, nel caso in cui il valore del sottostante, in un qualsiasi momento a partire dalla data di osservazione Iniziale fino alla data di osservazione finale, sia pari o inferiore al livello barriera, a scadenza verrà corrisposto un valore pari alla performance del sottostante, fino ad un massimo pari al livello del Cap. In questa ipotesi, i certificate non proteggono il capitale investito. I Bonus Cap Quanto sono quindi particolarmente indicati agli investitori che hanno una visione laterale, moderatamente ribassista o rialzista del sottostante.

 

La serie di Certificate Quanto è caratterizzata dal fatto che la performance non è impattata dall’andamento del tasso di cambio del sottostante rispetto all’Euro. Questa emissione porta per la prima volta sul mercato SeDeX delle azioni americane che sono state tra le protagoniste dei mercati negli ultimi anni come Facebook, Twitter, Netflix, Google, Paypal, fino ad arrivare a Zoom.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.