Nuovi Cash Collect per Societe Generale

La banca ha proposto altri quindici nuovi certificati cash collect, sui principali titoli azionari italiani e stranieri e sui principali indici azionari europei.
12/11/2020 | Redazione Advisor

Continuano le emissioni di cash collect targate Societe Generale. L’attuale contesto di mercato con rendimenti obbligazionari sempre più bassi favorisce questa tipologia di certificati che prevede il pagamento di premi trimestrali condizionati con effetto memoria. Nel dettaglio la banca ha proposto altri quindici nuovi certificati cash collect, sui principali titoli azionari italiani e stranieri e sui principali indici azionari europei. Si tratta di 11 nuovi cash collect su azioni italiane ed europee: Air-France, Bayer, Enel, Eni, FCA, Intesa Sanpaolo, Telecom, UniCredit, Assicurazioni Generali, Moncler e Leonardo e 4 nuovi cash collect su indici azionari: FTSE MIB, DAX, Euro STOXX® Oil & Gas e STOXX® Europe 600 Health Care.
Tra le caratteristiche principali si ricorda la possibilità di ottenere premi trimestrali condizionati lordi dall’1% al 4,50% (dal 4 al 18% su base annua) se, alla relativa data di valutazione, il valore di chiusura del sottostante risulta pari o superiore alla barriera.
Prendiamo il caso, ad esempio, di Moncler che è uno dei nuovi sottostanti. Il certificato corrisponde un premio trimestrale del 2% (8% annuo) se alla data di valutazione il titolo non risulterà al di sotto del livello di barriera, ossia 27,375 euro. In caso contrario non si distribuirà alcun premio e si rinvierà alla data di valutazione del premio successiva. Tutti i titoli dispongono comunque dell’effetto memoria, ossia della possibilità di recuperare gli eventuali premi non corrisposti se ad una data di valutazione successiva si verifica nuovamente la condizione di pagamento del premio. La nuova emissione, inoltre, presenta la possibilità di liquidazione anticipata su base trimestrale a partire dal 20 dicembre 2021, con un importo di rimborso pari al 100% del valore nominale (100 euro), se il valore di chiusura del sottostante risulta pari o superiore allo strike, nel caso di Moncler ad esempio 36,50 euro. In caso contrario l’investimento prosegue fino a scadenza con due possibili scenari: se, alla data di valutazione finale, il valore di chiusura del sottostante risulta al di sopra della barriera, il certificato viene rimborsato al 100% del Valore Nominale; altrimenti, il rimborso sarà commisurato alla performance finale del sottostante, con conseguente perdita di capitale.

 

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.