UniCredit emette 100 Bonus Certificate

I certificate si dividono in Bonus Cap, Top Bonus e Reverse Bonus Cap e tra i sottostanti comprendono i maggiori titoli azionari europei, americani ed i principali indici finanziari
26/11/2020 | Lorenza Roma

UniCredit Bank AG ha emesso sul mercato una nuova serie di 100 Bonus Certificate che si aggiungono agli oltre 250 Bonus Certificate già emessi e quotati sui mercati regolamentati di Borsa Italiana (SeDeX e EuroTLX). La nuova emissione di Bonus comprende 60 Bonus Cap, 27 Top Bonus e 13 Reverse Bonus Cap, che hanno scadenze a uno e due anni dal momento dell’emissione, e tra i sottostanti comprendono i maggiori titoli azionari europei, americani ed i principali indici finanziari. La finalità dell’emissione, che arriva sul mercato a seguito di un periodo di crescita dei listini azionari mondiali, è di aggiornare e mettere a disposizione degli investitori una vasta gamma di soluzioni d’investimento.

 

I certificate Bonus Cap permettono di ricevere un bonus a scadenza se il sottostante ha sempre mantenuto un valore superiore al livello di barriera, posta per questa emissione tra il 60% ed il 70% del valore iniziale. Viceversa, nel caso in cui il valore del sottostante, in un qualsiasi momento della vita del prodotto sia pari o inferiore al livello barriera, a scadenza verrà corrisposto un valore pari alla performance del sottostante, fino a un massimo pari al livello del cap. I certificate Top Bonus permettono di ricevere un bonus a scadenza se il sottostante a scadenza quota ad un valore pari o superiore al livello di barriera, posta per questa emissione tra il 70% e l’80% del valore iniziale. A differenza dei Bonus Cap quindi, la barriera è valutata solamente a scadenza e non in continuo. Nel caso in cui a scadenza il valore del sottostante sia inferiore al livello barriera, verrà corrisposto un valore pari alla performance del sottostante.

 

I certificate Reverse Bonus Cap, a differenza del resto dell’emissione, puntano sulla discesa del sottostante: permettono infatti di ricevere un bonus a scadenza se il sottostante ha sempre mantenuto un valore inferiore al livello di barriera, posta per questa emissione al 130% del valore iniziale. Viceversa, nel caso in cui il valore del sottostante, in un qualsiasi momento della vita del prodotto sia pari o superiore al livello barriera, a scadenza verrà corrisposto un valore pari all’inverso della performance del sottostante, fino a un massimo pari al livello del cap.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.