Societe Generale lancia 6 nuovi cash collect su azioni

Le caratteristiche principali di questi certificati sono: la possibilità di ottenere i premi trimestrali condizionati e la possibilità di una liquidazione anticipata automatica
28/04/2021 | Lorenza Roma

Societe Generale, banca leader nel mercato degli strumenti quotati in Italia, ha ampliato la gamma di investment certificate proponendo su EuroTLX 6 nuovi certificati cash collect su azioni, con scadenza a ottobre 2023 (2 anni e 6 mesi).

 

In particolare, la nuova emissione di certificati comprende: 2 nuovi certificati sui Sottostanti Tesla (ISIN certificato: XS2278318394) e Plug Power (ISIN certificato: XS2278315457) con premio trimestrale lordo condizionato del 4% (16% su base annua) e 5% (20% su base annua) rispettivamente e barriera del 60% del prezzo di chiusura dell’azione Sottostante alla data di valutazione iniziale; 2 nuovi certificati sui Sottostanti Intesa Sanpaolo (ISIN certificato: XS2278319442) e UniCredit (ISIN certificato: XS2278315705) con premio trimestrale lordo condizionato del 2,10% (8,40% su base annua) e 2,20% (8,80% su base annua) rispettivamente e barriera del 75% del prezzo di riferimento dell’azione Sottostante alla data di valutazione iniziale; 2 nuovi certificati sui Sottostanti STMicroelectronics (ISIN certificato: XS2278319103) e ENI (ISIN certificato: XS2278318634) con premio trimestrale lordo condizionato del 2,65% (10,60% su base annua) e 1,75% (7% su base annua) rispettivamente e barriera dell’80% del prezzo di chiusura2 dell’azione Sottostante alla data di valutazione iniziale.

 

Le caratteristiche principali di questi nuovi prodotti sono: la possibilità di ottenere i premi trimestrali condizionati se, alla relativa data di valutazione trimestrale, il prezzo di chiusura2 dell’azione Sottostante è superiore o uguale alla barriera. In tale caso, l’investitore riceverà oltre al premio relativo al trimestre corrente anche, qualora ve ne siano, i premi condizionati non distribuiti nei trimestri precedenti in cui non si era verificata la condizione di pagamento (“Effetto Memoria”); la possibilità di una liquidazione anticipata automatica su base trimestrale a partire da ottobre 2021 per un importo di liquidazione pari al 100% del valore nominale (100 Euro), se il prezzo di chiusura2 dell’azione Sottostante risulta pari o superiore al suo prezzo iniziale (Strike).

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.