Etf: a gennaio gli investitori preferiscono l'Europa

Secondo quanto emerge dal report di BlackRock, i fondi che offrono l'esposizione ai titoli azionari europei hanno raccolto 8,4 miliardi di dollari lo scorso mese
06/02/2015 | Massimo Morici

Incoraggiati dall’annuncio del QE della Bce, gli investitori stanno ruotando i portafogli in Etf che offrono l'esposizione a titoli azionari statunitensi ai titoli azionari europei che hanno raccolto 8,4 miliardi di dollari nel mese di gennaio, mentre i flussi verso gli Etp quotati in Europa sono stati pari a 13,7 miliardi di dollari. È il principale cambiamento rispetto al 2014 nel mercato europeo degli Etf così come emerge dal report di gennaio di “BlackRock Global Etp Landscape” sull’andamento del mercato degli Etp.

Ecco in dettaglio i risultati: i flussi verso Etf quotati a livello locale hanno segnato un nuovo massimo storico, pari ad oltre un quinto della raccolta totale del 2014. La raccolta mondiale, pari a 11,6 miliardi di dollari, è stata moderata rispetto agli ultimi mesi, con flussi rilevanti per azionario Europa e obbligazioni corporate, divergendo da riscatti significativi per large cap statunitensi e azionario emergente.

L’andamento dei tassi di cambio, e in particolare l’apprezzamento del dollaro nei confronti dell'euro, ha portato a un nuovo massimo mensile di 6,9 miliardi di dollari per Etp con copertura valutaria, concentrati su Etf con esposizioni su Europa, Australasia e Medio Oriente. I flussi verso i fondi obbligazionari si sono attestati a 13 miliardi di dollari, mentre quelli verso i prodotti esposti alle materie prime hanno registrato un’accelerazione a 5,2 miliardi di dollari, la raccolta mensile migliore in quasi cinque anni a causa di afflussi sul greggio a seguito del crollo dei prezzi del petrolio. Il report segnala anche primi significativi afflussi sull'oro dallo scorso giugno.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.