avatar

05/02/2019

Sei trend per il mercato Etf nel 2019

di

Highlights
  • In Europa nel 2018 la raccolta netta di nuovi capitali nel 2018 è diminuita del 52% portandosi a 45 miliardi di euro
La News

Il 2018 si è chiuso con quasi tutte le asset class hanno chiuso in territorio negativo e non sorprende quindi che i flussi globali degli Etf siano stati ben inferiori rispetto ai record del 2017, e in questo contesto i gestori attivi hanno sofferto ancora di più. In Europa, la raccolta netta di nuovi capitali nel 2018 è diminuita del 52% portandosi a 45 miliardi di euro, mentre gli AUM sono diminuiti dello 0,4%, raggiungendo i 633 miliardi di euro. I dati sono del Lyxor Cross Asset Research, coordinato da Marlène Hassine Konqui (nella foto), head of ETF Research, che segnala come nell’azionario gli unici vincitori siano stati gli Etf azionari USA, per i quali la raccolta è aumentata del 54%, passando da 13 a 20 miliardi di euro. I flussi verso gli Etf azionari europei, invece, hanno cambiato segno nel 2018, con 3,4 miliardi di euro di deflussi rispetto ai 22 miliardi di euro di afflussi del 2017.

Per quanto riguarda il reddito fisso, a causa delle crescenti incertezza e volatilità, gli investitori si sono spostati significativamente verso asset considerati sicuri. Gli afflussi verso Etf su titoli di Stato dei mercati sviluppati hanno raggiunto il livello record di 12,1 miliardi di euro, equamente ripartiti tra Etf su titoli di Stato statunitensi ed europei. Gli afflussi verso Etf su titoli di Stato a breve termine hanno raggiunto un livello record, passando da 1,2 miliardi di euro nel 2017 a 3,5 miliardi di euro. In un contesto di politica monetaria in evoluzione negli Stati Uniti con la fine del QE, l'80% di questi flussi si è riversato in titoli di Stato USA a breve termine. Il credito investment grade ha perso invece 1,7 miliardi di euro nel corso del 2018, in particolare quelli esposti al credito investment grade europeo  (-1,1 miliardi di euro). Gli ETF Smart Beta hanno raccolto 4 miliardi di euro nel 2018, solo il 13% in meno rispetto al 2017 in un mercato che ha subito un calo del 52%. 

Quanto al 2019 il team di  Lyxor Cross Asset Research ha previsto 6 trend. Eccoli:

1. Flussi verso i Paesi sviluppati fortemente dipendenti dai PMI
I flussi verso gli ETF azionari sui mercati sviluppati sono stati correlati all'attività economica per alcuni anni. Negli ultimi due anni i flussi verso i mercati azionari sviluppati sono stati più elevati quando l'attività economica ha raggiunto il suo apice alla fine del 2017. Dal momento che gli analisti della Lyxor Cross Asset Research prevedono una crescita dei mercati sviluppati più contenuta nel 2019, è probabile che i flussi verso le azioni dei mercati sviluppati scendano leggermente rispetto ai livelli del 2018.

2. La rotazione verso gli emergenti continuerà
A dicembre 2018 abbiamo osservato l'inizio di un cambio di direzione dai mercati azionari sviluppati ai mercati emergenti. Dopo un 2018 in gran parte poco brillante, il sentiment verso i mercati emergenti dovrebbe migliorare nel 2019. Una politica monetaria meno accomodante negli Stati Uniti dovrebbe sostenere i flussi verso i mercati emergenti nel 2019.

3. Gli investitori obbligazionari devono concentrarsi su strategie adatte al contesto in evoluzione Con la fine dei programmi di Quantitative Easing da parte delle banche centrali e l'aumento dei tassi di interesse, il contesto generale nel 2019 dovrebbe rimanere difficile per gli investitori obbligazionari. Dovrebbero continuare ad attirare interesse gli ETF a breve termine.

4. ETF obbligazionari inflation-linked
Dovrebbero rimanere molto allettanti, con l'inflazione che dovrebbe gradualmente aumentare sia negli Stati Uniti che in Europa.

5. Smart Beta per ottenere profitti in un contesto di aumento delle incertezze
Nelle fasi più mature del ciclo economico, low-beta e quality, con caratteristiche più difensive, tendono ad essere i fattori preferiti. In un contesto di maggiori incertezza e volatilità, ci aspettiamo anche che gli investitori privilegino strategie Smart Beta basate sul rischio come gli ETF minimum variance.

6. Previsti ulteriori afflussi verso gli ETF ESG
Lyxor Cross Asset Research ricorda che l'aumento degli afflussi verso gli ETF ESGsegue una tendenza a lungo termine, che ha iniziato ad accelerare nel 2018: gli asset verso gli ETF ESG sono aumentati di oltre il 50% in Europa nel corso del 2018, a fronte di un calo dell'1% per l'intero mercato europeo degli ETF. Questi flussi dovrebbero continuare ad essere sostenuti dal crescente interesse degli investitori per le tematiche ESG e dall’evoluzione della regolamentazione. Nel maggio 2018, la Commissione europea ha annunciato un piano d'azione per finanziare la crescita sostenibile. Tra le altre considerazioni, obbligherà tutti gli investitori a includere i criteri ESG nelle loro decisioni di investimento.

Ti interessa questo argomento? Leggi anche:

Le ultime da Advisor Professional

A lezione da Pictet AM: i futures

Uno dei difetti più rimproverati al mondo della finanza è quello di utilizzare termini incomprensibili, specie per il consumatore generale. Il team...

Continua a leggere...

Iscriviti qui alle newsletter, inserendo il tuo indirizzo e-mail: