Tabula lancia un ETF innovativo sull’inflazione

Si tratta del primo ETF tematico fixed income che fornisce un’esposizione combinata all’inflazione realizzata e a quella attesa
28/10/2020 | Paola Sacerdote

Inflazione realizzata e inflazione attesa. Per molti investitori entrambe sono importanti misure dell’inflazione, e gli ETF attualmente presenti sul mercato si basano o su uno o sull’altro approccio, ciascuno con pro e contro. Gli ETF tradizionali sui bond inflation-linked forniscono una buona protezione dall’inflazione di lungo termine, ma sono poco sensibili ai cambiamenti delle aspettative/breakeven di inflazione e hanno una significativa esposizione ai tassi (che diventa problematica poiché il rialzo dell’inflazione coincide spesso con l’aumento dei tassi). D’altra parte, gli ETF tradizionali sulle aspettative di inflazione hanno una buona sensibilità all’inflazione breakeven, non hanno esposizione ai tassi, tuttavia non forniscono carry e inoltre sono più adatti per una strategia di overlay rispetto a una strategia basata su fondi.

 

 Tabula Investment Management Limited ha quindi elaborato insieme a Bloomberg un indice che riesce a combinare insieme in un’unica strategia inflazione reale e inflazione attesa, e ha lanciato un ETF innovativo. Finora infatti non esisteva infatti sul mercato un ETF che riuscisse ad ottimizzare l’esposizione all’inflazione mettendo insieme inflazione realizzata e inflazione attesa.

Il Tabula US Enhanced Inflation ETF (in euro con la copertura del cambio), che è stato quotato ieri su Borsa Italiana, e che nella versione in dollari verrà quotato su LSE il 3 novembre, combina un’esposizione a un ampio portafoglio di bond inflation-linked statunitensi (i TIPS) con l’esposizione all’inflazione attesa negli Stati Uniti (breakevens).

 

“Gli ETF sono una scelta naturale per l'esposizione all'inflazione”, riporta il ceo di Tabula Michael John Lytle. “L’inflazione è un tema diventato di particolare interesse negli ultimi tre mesi. Tuttavia, gli ETF legati all'inflazione attualmente in circolazione costringono gli investitori a scegliere tra l'inflazione realizzata e attesa. Per molti investitori, entrambi i parametri sono importanti e una soluzione più efficiente li vedrebbe combinati. Da qui nasce l’idea del nostro nuovo ETF Tabula US Enhanced Inflation UCITS.”

 

Il TER e’ pari allo 0,29% per la share class in dollari quotata in LSE, mentre la share class EUR-Hedged dell' ETF quotata in Borsa Italiana riporta un TER dello 0,34%.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.