HANetf: primo Etf ESG

Ideato da iClima Earth, lo strumento non riguarda la “sola” sostenibilità, ma anche evitare emissioni di CO2 in atmosfera con l’ambizioso obiettivo di decarbonizzare il pianeta
11/12/2020 | Redazione Advisor

Debutta su Borsa Italiana l’ETF UCITS ideato da iClima Earth e lanciato grazie alla piattaforma white-label HANetf che opera sui mercati europei. Il primo al mondo ad offrire esposizione ad aziende dedicate a servizi e prodotti che evitano l’emissione di gas serra in atmosfera e che ne quantifica l’impatto. Si chiama iClima Global Decarbonisation Enablers UCITS ETF.

L’ETF replica l’iClima Global Decarbonisation Enablers Index sviluppato da iClima Earth, società di fintech verde che crea prodotti d’investimento avendo come obiettivo la selezione di aziende che apportano contributi tangibili per risolvere il cambiamento climatico.

Gabriela Herculano, CEO di iClima Earth, ha dichiarato: “Siamo orgogliosi di annunciare il lancio di iClima Global Decarbonisation Enablers UCITS ETF per ridefinire gli investimenti legati al cambiamento climatico. Questo è il primo ETF UCITS al mondo sul cambiamento climatico che dia esposizione alle aziende che offrono prodotti e servizi per evitare le emissioni di CO2 in atmosfera e che mostri, cifre alla mano, quanto queste aziende siano state in grado di raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione".

 

L’ETF CMLA è unico perché sposta l’attenzione dalle aziende che riducono le proprie emissioni a quelle che offrono prodotti e servizi per evitarle, puntando i riflettori sugli innovatori che affrontano il problema del cambiamento climatico. iClima Earth stima che le 151 aziende che fanno parte dell’iClima Global Decarbonisation Enablers Index possano evitare l’emissione di 0,6 Gigatonnellate di gas climalteranti nel 2021. Per poter raggiungere l’obiettivo di contenimento del riscaldamento globale a 1,5 °C rispetto ai livelli preindustriali è necessario evitare l’emissione di 4,26 Gigatonnellate di CO2. Attualmente le emissioni mondiali sono al livello di 56 Gigatonnellate e andrebbero ridotte del 7,6% entro la fine del decennio.

 

“Esistono già numerosi prodotti d’investimento “verdi” sul mercato che usano complessi punteggi ESG o che si concentrano su aziende a basse emissioni di carbonio che producono meno danni. Tuttavia, il modo migliore per ridurre le emissioni di biossido di carbonio in atmosfera è trovare prodotti o servizi alternativi a emissioni più basse, evitando quindi una quota consistente di emissioni. Perché il mondo possa raggiungere emissioni nette di gas serra pari a zero entro il 2050 e abbia speranze di limitare il riscaldamento climatico a 1,5 °C rispetto ai livelli preindustriali, occorrono ingenti investimenti in nuove tecnologie e aziende che riducano o evitino emissioni di carbonio. Alla luce di questo, CLMA dà esposizione a società che fanno capo a 5 settori: energia verde, trasporti verdi, miglioramenti nella gestione dell’acqua e dei rifiuti, soluzioni che consentano la decarbonizzazione e prodotti sostenibili. Tra le aziende abbiamo soluzioni ad alta crescita come idrogeno verde e celle combustibili, veicoli elettrici e a generazione distribuita” prosegue l'esperta.

 

Nik Bienkowski, co-CEO di HANetf ha aggiunto: “Siamo molto felici che iClima Earth abbia scelto HANetf per aiutarla nello sviluppo e nel lancio sul mercato europeo del primo ETF al mondo sulla decarbonizzazione e sarà il primo di molti sulla piattaforma. È un ETF davvero speciale che accetta attivamente la sfida a limitare il cambiamento climatico, cosa di cui parliamo ogni giorno, e cerca di essere più responsabile. CLMA consente un investimento realmente a impatto tramite il veicolo dell’ETF. Alcuni ETF legati al clima hanno visto una crescita esponenziale negli ultimi 20 mesi e ci attendiamo che questo forte interesse continui”.

 

 

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.