ETP, raccolta da record nel 2020. Oro sugli scudi

Grazie soprattutto alle materie prime, gli afflussi dell’anno scorso, sono pari a 756 miliardi di dollari: superato il record del 2017. I dati del BlackRock ETP Landscape Report
15/01/2021 | Daniele Riosa

Nonostante un sentiment altalenante durante il corso dell’anno, nel 2020 la raccolta globale degli exchange traded product (ETP) ha segnato un nuovo primato con 756 miliardi di dollari, superando il precedente record del 2017 (660 miliardi di dollari). Come si legge nel BlackRock ETP Landscape Report, i flussi azionari hanno recuperato dalla flessione di marzo per raccogliere nell’anno 410 miliardi di dollari, stimolati da acquisti record dopo le elezioni americane di novembre. Nel reddito fisso, i flussi globali hanno eguagliato il totale dell'anno precedente (257 miliardi di dollari), mentre gli afflussi pari a 64 miliardi di dollari verso ETP sulle materie prime hanno segnato un altro massimo in un anno da ricordare in termini di raccolta.

I temi chiave per il 2020 sono stati: 1. Approccio Barbell: i flussi di settore evidenziano che gli investitori hanno adottato una strategia Barbell. 2. Pioggia di record: numerose esposizioni sul reddito fisso hanno registrato flussi record, in particolare i prodotti investment grade e inflation linked. 3. Ripresa dei mercati emergenti: i flussi dei mercati emergenti registrano una ripresa nell’ultima parte dell’anno. 4. La sostenibilità come nuovo standard: la raccolta 2020 dei prodotti sostenibili ha superato quella cumulata degli anni precedenti, con una raccolta per i prodotti quotati negli USA e in Europa pari a 85 miliardi di dollari rispetto ai 28 miliardi di dollari nel 2019. 5. Un anno d'oro per le materie prime: record per i metalli preziosi.

Vediamoli nello specifico

1. Approccio Barbell


Il forte afflusso di capitale proprio alla fine dell'anno ha contribuito a spingere le cifre dei titoli di testa verso un forte traguardo. I progressi del vaccino Covid e l'eliminazione dell'incertezza politica a seguito delle elezioni negli Stati Uniti hanno spinto gli acquisti su larga scala a novembre (compreso il record di 65,2 miliardi di dollari in azioni statunitensi). Gli ETP del settore hanno avuto un anno di standout con flussi record attraverso le esposizioni difensive e cicliche, tra cui tecnologia, sanità, industria, energia e consumatori discrezionali, che hanno mostrato un approccio a bilanciere. Con l'aumento del rischio da parte degli investitori in aprile e maggio, i settori che hanno beneficiato dell'accelerazione delle tendenze strutturali e delle caratteristiche qualitative si sono dimostrati popolari.

Gli ETP del settore sanitario hanno guadagnato la cifra record di 17,1 miliardi di dollari di afflussi nel corso dell'anno, mentre la tecnologia si è distinta - gli afflussi hanno raggiunto la cifra record di 45,8 miliardi di dollari l'anno scorso, più del totale dei flussi nel settore dal 2015 al 2019. L'approccio a bilanciere è stato evidente anche nei flussi di fattori: valore e qualità sono stati i due fattori più popolari nel 2020, con afflussi rispettivamente di 6,7 mdi di dollari e 6,6 mdi di dollari. I flussi di fattori principali sono diminuiti rispetto al 2019, a causa dei flussi record di deflussi da ETP a volatilità minima (- 16,8 mdi contro 25,9 mdi nel 2019), che - insieme agli afflussi di qualità - hanno suggerito una maggiore propensione al rischio da parte degli investitori, anche nelle allocazioni più difensive.

2. Aumento dei flussi verso gli ETP a reddito fisso

L'anno scorso è sceso appena al di sotto di un anno record per gli ETP a reddito fisso, poiché gli investitori hanno ottenuto profitti nel corso dell'anno, ma i record sono crollati all'interno della classe di attività. L'investment grade (IG) è stato di gran lunga l'esposizione più importante, con un afflusso globale che ha raggiunto la cifra record di 73,6 miliardi di dollari, quasi il 30% di tutti i flussi di reddito fisso nel 2020. I 47,9 mld di dollari dell'afflusso di IG sono arrivati tra aprile e giugno, compreso il record di 21,2 mld di dollari nel solo mese di giugno, quando gli investitori sono stati assegnati al credito con forte convinzione grazie al sostegno della banca centrale.

Analogamente, i flussi ad alto rendimento (HY) hanno raggiunto livelli record a metà anno, anche se i flussi in uscita da settembre-dicembre hanno temperato il dato principale per lasciare i flussi HY a 24,8 mdi di dollari per l'anno, in lieve calo rispetto al totale del 2019. Il mutato ruolo dei titoli di Stato nei portafogli ha portato ai più bassi afflussi di tassi degli ultimi tre anni, con appena 31,4 miliardi di dollari aggiunti nel 2020.

Ciò è stato trainato in parte dai deflussi record di novembre (-7,3 mdi di dollari), dato che la convinzione del rischio ha davvero preso piede. Nel frattempo, le allocazioni inflation linked sono più che quintuplicate rispetto al 2019, raggiungendo la cifra record di 17,5 mdi di dollari, mentre gli investitori hanno adeguato i portafogli per tenere conto dell'aumento dell'inflazione con la riapertura delle economie.

3. Ripresa dei mercati emergenti

I flussi azionari dei mercati emergenti (EM) hanno chiuso in modo sorprendente il 2020, dopo che i forti deflussi dei primi mesi dell'anno sono stati compensati da acquisti significativi nell'ambito dell'ampia rotazione ciclica della seconda metà del 2020. Il lato positivo dei flussi è stato in gran parte determinato dalla convinzione degli investitori internazionali, con 7,9 mld di dollari aggiunti agli ETP quotati in EMEA e 1,7 mld di dollari agli ETP quotati negli USA, contro i 12,4 mld di dollari dei fondi EM quotati in APAC. I Paesi dell'Asia EM, in particolare la Cina, si sono dimostrati popolari tra gli investitori internazionali. I flussi verso il debito EM sono rimasti relativamente stabili nel corso dell'anno, con gli investitori che hanno preferito la valuta forte all'inizio dell'anno prima di spostarsi verso la valuta locale a fine anno.

La Cina e l'India si sono dimostrate i due Paesi più popolari, con afflussi rispettivamente di 4,6 miliardi di dollari e 2,0 miliardi di dollari (un anno record per quest'ultimo). Mentre i flussi verso le obbligazioni cinesi sono stati marginalmente inferiori rispetto al 2019, nel 2020 gli afflussi sono stati quasi esclusivamente verso i prodotti quotati in EMEA ($6,2 mdi), tra i deflussi quotati in APAC, un netto contrasto rispetto all'anno precedente.

La sostenibilità come nuovo standard

Il 2020 può essere annunciato come l'anno di riferimento per i flussi di ETP sostenibili. I prodotti quotati negli Stati Uniti e nell'area EMEA raccolgono 85 miliardi di dollari, contro i 28 miliardi del 2019. Durante la volatilità del mercato all'inizio del 2020, i flussi sostenibili sono rimasti stabili tra i flussi in uscita dal mercato più ampio, con 3,5 miliardi di dollari aggiunti agli ETP sostenibili tra metà febbraio e metà marzo. Successivamente, i flussi EMEA sono rimasti stabili fino ad aprile e maggio, mentre i prodotti quotati negli Stati Uniti hanno continuato a registrare un aumento dei flussi in entrata.

I flussi verso gli ETP quotati in EMEA hanno tuttavia iniziato a tornare ai livelli pre-crisi verso la fine di maggio e hanno continuato a rafforzarsi per tutto il resto dell'anno. I mesi di novembre e dicembre sono stati mesi da record per gli ETP sostenibili elencati nell'area EMEA, con 20 miliardi di dollari di afflussi (38% del totale del 2020), probabilmente stimolati dalle elezioni americane. Nel corso dell'anno, gli ETP sostenibili quotati negli Stati Uniti hanno anche raccolto fondi grazie all'aumento delle allocazioni di portafoglio del modello.

5. Un anno d'oro per le materie prime

I flussi record di materie prime nel 2020 sono stati dovuti quasi interamente all'acquisto di metalli preziosi, con afflussi record per l'oro (+44,9 miliardi di dollari) e per l'argento ETP (+5,1 miliardi di dollari). Con il diffondersi della pandemia all'inizio dell'anno, il sentimento di compensazione del rischio ha spinto all'acquisto di metalli preziosi.

Gli afflussi sono proseguiti fino a novembre, prima che i flussi di oro e argento fossero colpiti da un sentiment sempre più rischioso, con deflussi record di $6,8 mdi di oro in novembre. Una menzione speciale va anche agli ETP del greggio, che hanno chiuso l'anno con afflussi di 11,5 miliardi di dollari, appena al di sotto del record di 11,7 del 2015. L'aumento della volatilità del prezzo del petrolio ha portato ad allocazioni su larga scala in marzo e aprile (17,7 miliardi di dollari di afflussi nei due mesi), in parte compensate da continui deflussi da giugno a dicembre.

Hai trovato questa news interessante?
CONDIVIDILA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Vuoi rimanere aggiornato e ricevere news come questa?
Iscriviti alla nostra newsletter e non perderti tutti gli approfondimenti.